L’ennesimo caso di violenza su ragazze, è ancora caccia ai molestatori del treno regionale sul quale si sarebbe consumata la vicenda riguardante le sei giovanissime vittime di molestie sessuali: 5 ragazze tra i 15 e i 17 anni di Milano e Pavia, salite sul treno per tornare a casa dopo una gita a Gardaland, accerchiate e pesantemente molestate. “Eravamo circondante – hanno raccontato – il caldo era asfissiante, alcune di noi sono svenute. Mentre cercavamo un controllore avanzando a fatica lungo i vagoni” alcuni ragazzi “ridevano, ci dicevano ‘le donne bianche qui non salgono’”. Le ragazze hanno aggiunto che, mentre subivano le molestie, hanno chiamato i genitori e non le forze di polizia per paura di essere picchiate.

Women Of Change Italia da anni in prima linea per la battaglia contro la violenza e la prevaricazione nei confronti di donne e adolescenti, nella persona di Anita Falcetta risponde in maniera netta e lo fa anche attraverso la campagna da poco lanciata dall’associazione.

“Stop alla violenza di genere, anche tra i giovani.” Al via la campagna di Women Of Change Italia con Festival dei Diritti Umani, Associazione D.o.n.n.a., Mokamusic

Prevenire la violenza e contrastare il diffondersi degli stereotipi di genere tra i giovani, promuovere la cultura del rispetto e dell’uguaglianza, questi gli obiettivi della campagna “Stop alla violenza di genere, anche tra i giovani”, realizzata da Women Of Change Italia insieme al Festival dei Diritti Umani, all’Associazione D.o.n.n.a. e all’agenzia musicale Mokamusic.

I protagonisti del video diffuso su tutti i social network dell’Associazione, sono gli studenti delle classi 3ASS e la 4ASS dell’Istituto Professionale Domenico Modugno di Conversano (BA) che si sono messi in gioco, interpretando con un gesto simbolico il messaggio della campagna.

Con loro la studentessa Gaia Bitocchi, autrice di Briciola, brano che racconta la storia di una violenza subita, scelto da Women of Change Italia come colonna sonora del progetto, prodotto dal produttore musicale Philip Abussi (Mokamusic) e promosso pro bono su tutte le piattaforme digitali, allo scopo di raggiungere il maggior numero di persone, e coinvolgere soprattutto la Generazione Z.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.