[ad_1]

E poi ce n’era uno. A seguito del lancio di veicoli spaziali dagli Emirati Arabi Uniti e dalla Cina, gli Stati Uniti si stanno ora preparando per il lancio imminente della propria missione su Marte – e potrebbe essere solo la scelta del gruppo.

Il rover Perseverance della NASA è programmato per decollare su un razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA) domani, giovedì 30 gennaio, da Cape Canaveral in Florida. Una finestra di due ore per il lancio si apre alle 7.50 AM Eastern Time.

“La revisione della disponibilità al lancio è completa e siamo davvero pronti per il lancio”, l’amministratore della NASA Jim Bridenstine disse ieri in una conferenza stampa.

Ci vorranno sette mesi perché il rover viaggi per milioni di chilometri su Marte, seguendo le orme del La nave spaziale Hope degli Emirati Arabi Uniti, un orbiter e China’s Tianwen-1 orbiter e rover. Windows per Marte si apre ogni 26 mesi, quando i nostri due pianeti si allineano per il più breve traversale tra loro, con tutte e tre le missioni che sfruttano questa finestra.

La perseveranza sparerà direttamente sulla superficie marziana, con l’obiettivo di atterrare il 18 febbraio 2021 nel cratere di Jezero. Il suo sistema di atterraggio autonomo, noto come gru a cielo, lo vedrà abbassato in superficie da cavi da una piattaforma a razzo: il stesso metodo che è stato utilizzato per sbarcare il suo predecessore, Curiosity, nell’agosto 2012.

Mentre la Perseveranza a propulsione nucleare è simile nell’aspetto alla Curiosità, sotto c’è un’altra bestia. Mentre la curiosità è stata progettata per valutare l’abitudine di Marte, la perseveranza è focalizzata sulla ricerca della vita. I suoi strumenti cercheranno biosignautres, come i microfossili di microbi.

“Questa è la prima volta nella storia in cui la NASA ha dedicato una missione a ciò che chiamiamo astrobiologia, la ricerca della vita”, disse L’amministratore della NASA Jim Bridenstine (sebbene la NASA abbia condotto una ricerca di vita in precedenza con i suoi gemelli lander vichinghi nel 1976, con risultati inconcludenti).

Si ritiene che il cratere di Jezero ospiti un delta del fiume prosciugato che si è alimentato in un antico lago, rendendolo un luogo privilegiato per cercare la vita. La perseveranza lo farà studiare la composizione delle rocce in questa regione, alla ricerca di suggerimenti che la vita potrebbe aver risieduto qui.

Sarà anche impegnato a raccogliere e conservare i campioni in piccole cache in superficie. Un multimiliardario missione di ritorno del campione alla fine di questo decennio, un partenariato tra gli Stati Uniti e l’Europa, tornerà in quest’area e raccoglierà queste cache, rimandandole sulla Terra affinché gli scienziati possano studiare i segni della vita in modi che il solo rover non può fare.

Ma la perseveranza ha a ospite anche di altre abilità. Ad esempio, tenterà di produrre ossigeno dall’anidride carbonica su Marte con uno strumento chiamato MOXIE, una tecnica che potrebbe essere utilizzata dai futuri astronauti.

Produrrà anche bollettini meteorologici marziani con uno strumento chiamato MEDA e utilizzerà il radar per guardare sotto la superficie con il suo strumento RIMFAX. E prenderà immagini e video HD della superficie e persino registrerà i suoni.

Forse il più interessante di tutti, il rover ha un elicottero chiamato Ingenuity nascosto nel suo ventre. Nei primi 90 giorni della missione questo elicottero verrà schierato in superficie, per poi tentare di volare sopra il suolo, riprendendo immagini del rover e del luogo circostante – il primo tentativo in assoluto di volare su un altro mondo.

Il rover dovrebbe durare almeno due anni terrestri, o un anno marziano, in superficie. Dopodiché, se è ancora operativo, potrebbe quindi uscire dal cratere di Jezero in una missione estesa in una regione altrettanto interessante chiamata Midway, che potrebbe anche aver ospitato una volta la vita.

Prima di tutto ciò, dovrà lanciarsi in sicurezza, viaggiare nello spazio, entrare nell’atmosfera marziana e atterrare. Non è cosa da poco: circa la metà di tutte le missioni su Marte sono fallite. Ma se avrà successo, la perseveranza potrebbe avvicinarci più che mai a sapere se siamo soli in questo universo o no.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.