[ad_1]

Ricordi quella volta che hai visto il tuo insegnante al supermercato? Forse ti stai ancora riprendendo dal trauma. Anche se di nove anni sapevi che il tuo insegnante era, beh, umano, l’idea che lui o lei si impegnasse in comportamenti umani simili a quelli della tua famiglia era una pillola dura da ingoiare. Individuare un insegnante in vacanza? Perire il pensiero. E il tuo dottore? Il tuo chirurgo? In realtà non mangiano cibo, fanno commissioni o (sussultano) vanno in spiaggia come il resto di noi, vero? Beh, se lo fanno, spero solo che tu non debba testimoniarlo, giusto? Con i social media, spesso un clic di un pulsante ti salverà un viaggio in pubblico per raggiungere il picco della vita privata di coloro che si prendono cura di te o dei tuoi figli. Un gruppo con sede a Boston ha cercato di esprimere il proprio apice nella vita dei giovani chirurghi attraverso account di social media inventati. E ne scrissero in una rivista accademica molto rispettata.

Nel numero di agosto 2020 del Giornale di chirurgia vascolare, un manoscritto intitolato “Prevalenza di contenuti non professionali sui social media tra i giovani chirurghi vascolari”, è stato ritirato ieri dal comitato editoriale della rivista. L’articolo ha cercato di identificare ciò che gli autori considerano comportamenti “inappropriati” e “non professionali” su varie piattaforme di social media da parte di giovani chirurghi vascolari, nel tentativo di riconoscere e, a loro volta, scoraggiare qualsiasi comportamento che possa avere un impatto negativo su paziente rispetto per i medici. Mentre alcune delle questioni affrontate sono chiaramente fondamentali per l’assistenza ai pazienti, tra cui violazioni della privacy dei pazienti, calunnia dei colleghi e uso illecito di droghe, molte delle altre questioni affrontate possono essere interpretate come violazioni della privacy nella vita dei giovani medici. Medici particolarmente femminili. I ricercatori si sono concentrati sulla recente residenza in chirurgia vascolare e sui laureati in borsa, collocando l’età media dei soggetti dello studio (che non hanno dato il permesso di studiare) a circa 30-35 anni. Hanno creato account Facebook, Instagram e Twitter “neutri” (traduzione: falsi) per cercare nei feed dei social media i giovani chirurghi.

I tre account falsi per la ricerca di comportamenti non professionali sono stati creati da studenti e compagni di sesso maschile, di età compresa tra 28 e 37 anni. Incluso in quello che consideravano un comportamento non professionale c’erano fotografie di costumi di Halloween “provocatori” e pose in bikini. Inoltre, qualsiasi riferimento a questioni caricate politicamente o socialmente come l’aborto e il controllo delle armi è stato incluso come comportamento non professionale. Il mondo reale dei social media ha saputo di questa pubblicazione e ha risposto forte e chiaro. L’idea che l’attenzione fosse rivolta alle giovani chirurghe su come si vestono durante il loro tempo di non lavoro è stata accolta con disgusto e tumulto. L’hashtag #MedBikini è diventato virale su Twitter e Instagram, portando innumerevoli donne (e uomini) a pubblicare con orgoglio foto di se stessi in bikini o altri abiti casual, insieme all’hashtag #MedBikini, a sostegno reciproco del cosiddetto comportamento “non professionale” all’esterno della sala operatoria.

Mentre gli autori hanno affrontato questioni relative alla privacy dei pazienti e al comportamento non illegale, l’attenzione rivolta alle chirurghe che indossano bikini, in particolare monitorate da studenti e compagni di sesso maschile sotto falsi account di social media, ha portato il fattore “creep” a livelli sempre più alti man mano che il problema si avvicinava il pubblico. Ripensando all’hashtag #ILookLikeASurgeon, iniziato nel 2016, sottolineando che, sì, anche i bikini, tutte le forme e le dimensioni, tutti i sessi, indipendentemente dall’identità, possono essere e sono chirurghi, #MedBikini è una tendenza a umanizzare, non de-professionalizzare, le donne in una professione tradizionalmente maschile.

Dr. Mudit Chowdhary, Chief Resident in Radiation Oncology alla Rush University, ha condiviso le sue preoccupazioni con lo studio e sui social media. Quando gli è stato chiesto perché si sentisse così fortemente riguardo al manoscritto, ha affermato: “Ho problemi con la definizione di comportamento non professionale … è inappropriato etichettare le questioni sociali come non professionali. Siamo umani prima dei medici. Inoltre, le questioni che definiscono controverse (controllo delle armi, aborto) sono questioni sanitarie. Ai medici viene insegnato a essere i leader della comunità nella scuola di medicina e dobbiamo parlare per aiutare le nostre comunità “. Quando gli è stato chiesto se i medici dovrebbero essere tenuti a standard più elevati, anche sui social media, ha risposto: “Credo che i medici dovrebbero avere standard più elevati. Ad esempio, divulgare informazioni HIPAA è qualcosa che nessun altro deve affrontare. Tuttavia, gran parte del problema è che il campo medico è altamente conservativo e misogino. “

In risposta a tale disgusto così ampiamente diffuso con questa pubblicazione, uno dei principali autori, il dottor Jeffrey Siracusa, ha lanciato scuse pubbliche su Twitter:

E subito dopo, i redattori della rivista hanno rilasciato una dichiarazione pubblica con l’intenzione di ritirare l’articolo dalla rivista. Nella loro dichiarazione, rivelano che ci sono stati errori nel processo di revisione, tra cui il problema dei pregiudizi consci e inconsci da parte degli investigatori, nonché l’incapacità di ottenere il permesso dai direttori dei programmi nazionali di utilizzare il database nella ricerca privata e pubblica account di social media di neolaureati di programmi di formazione. La loro dichiarazione di ritrattazione si è conclusa come segue:

“Infine, offriamo scuse a tutti coloro che hanno comunicato la tristezza, la rabbia e la delusione causate da questo articolo. Abbiamo ricevuto una serie di commenti costruttivi su questo argomento e intendiamo prendere sul serio ogni punto e adottare misure risolute per migliorare il nostro processo di revisione e aumentare la diversità dei nostri consigli editoriali “. (Peter Gloviczki, MD e Peter F. Lawrence, MD, Redattori, Journal of Vascular Surgery).

Vi è stata una risposta favorevole a questa affermazione e ritrattazione, eppure molti continuano a ritenere che una valutazione della professionalità sia stata condotta in modo estremamente poco professionale, sottolineando l’ironia di tale sforzo. Per non parlare della mancanza di diversità nel comitato editoriale, composto da due chirurghi maschi che condividono lo stesso nome.

Mentre la questione della professionalità da parte dei medici dovrebbe rimanere fondamentale e, in effetti, richiede ulteriori esplorazioni, monitoraggio e attenzione, soprattutto quando si tratta della privacy dei pazienti, le questioni sociali al di fuori della sfera medica dovrebbero, forse, rimanere solo sociale. Ma se vedi il tuo chirurgo fuori al negozio di alimentari, o anche in spiaggia, tutto ciò che dovrebbe importare in questo momento è che loro (e te) indossano una maschera.

Uno degli autori senior (Dr.S Siracusa) e l’editore senior della rivista (Dr. Gloviczki) sono stati contattati per un commento, ma non hanno risposto alle richieste.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *