[ad_1]

I terremoti si verificano in genere quando segmenti delle placche tettoniche della Terra si rompono a causa dello stress tettonico che si accumula nel tempo. Tuttavia, la sismicità mondiale non segue una distribuzione casuale. La ricerca statistica in passato suggerisce che grandi e potenti terremoti si verificano comunemente in gruppi. E sebbene molti ricercatori abbiano fatto studi statistici per cercare di determinare la causa, invocando vari effetti, come l’attrazione gravitazionale della Luna, del Sole o persino di altri pianeti, non sono state ancora proposte teorie convincenti. Un nuovo studio pubblicato nel rivista Recensioni scientifiche sostiene che esiste una correlazione statisticamente significativa dei gruppi sismici con potenti eruzioni sul Sole, anche se non è ancora chiaro come siano collegati i due fenomeni.

I ricercatori hanno usato i dati di Satellite per osservazione solare ed eliosferica (SOHO) della NASA-ESA per ricostruire l’attività solare degli ultimi 20 anni. L’aumentata attività solare è correlata alle eruzioni solari quando dal Sole vengono emesse grandi quantità di particelle cariche positivamente (protoni). Confrontando i dati SOHO con il record storico di forti terremoti, gli scienziati hanno notato che si sono verificati più terremoti all’aumentare del numero e delle velocità dei protoni solari in arrivo. In particolare, quando i protoni hanno raggiunto il picco, si è verificato un picco nei terremoti sopra magnitudo 5,6 per le successive 24 ore.

Il sole rilascia costantemente grandi quantità di energia e particelle sotto forma di vento solare. Le eruzioni più potenti rilasciano anche particelle cariche elettricamente, come ioni ed elettroni. Quando raggiungono la Terra, queste particelle cariche possono interagire con il campo magnetico terrestre. La nuova ricerca suggerisce che le particelle di potenti eruzioni, in particolare gli ioni caricati positivamente, potrebbero anche influenzare le rocce della crosta terrestre.

L’aumento della deformazione tettonica delle rocce può causare una corrente elettrica, poiché le particelle cariche elettricamente vengono “spremute” dalla struttura cristallina dei singoli granuli minerali. Sulla base di questa osservazione, il nuovo studio suggerisce che invertendo questo processo, le particelle cariche provenienti dal sole possono causare l’espansione dei grani minerali, aumentando lo stress tettonico fino alla rottura delle rocce.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *