[ad_1]

Pop quiz: Is System76 uno sviluppatore di distribuzione Linux, un produttore di hardware o un’azienda open source? La risposta corretta è quanto sopra, ma la passione per l’open source permea ogni aspetto dell’attività di System76. A proposito, se ti piace quello che il creatore di Pop OS e Thelio PC ha fatto di recente con Coreboot, ti piacerà il fatto che rilasciato su Twitter.

“Ho visto la luce della fantastica @LisaSu” scrive Ingegnere System76 Jeremy Soller. “Oggi inizia il mio viaggio per port coreboot verso Matisse e Renoir. Ci vediamo dall’altra parte!”

In una parola, questo è magnifico. Ma perché dovresti preoccupartene?

Che cos’è Coreboot, comunque?

coreboot è un progetto open source che mira a eliminare tutto il firmware proprietario fornito con un computer e sostituirlo con un firmware snello e leggero che abbia la minima quantità di codice per caricare un sistema operativo.

Pensa a quella schermata del BIOS che devi caricare di tanto in tanto. Sul mio Lenovo ThinkPad P53, ad esempio, ci sono dozzine di opzioni che controllano qualsiasi cosa, da Secure Boot a grafica, opzioni di virtualizzazione e prestazioni.

Questo significa anche BLOB proprietari, un’inclusione che molti appassionati di open source preferirebbero fare a meno. Ma Coreboot non si tratta solo di abbracciare una filosofia; riguarda anche la velocità.

Codice più snello significa meno ritardi. Ciò si traduce in una neutralizzazione di Intel Management Engine, che riprende dalla sospensione quasi istantaneamente e si avvia notevolmente più velocemente. Il vantaggio di Coreboot è diventato evidente quando si confronta il laptop System76 Lemur Pro al Tuxedo Computers InfinityBook S 14.

I sistemi di cui sopra sono tagliati dallo stesso tessuto (cioè telaio) e vantano hardware identico. Ma poiché Lemur Pro vanta Coreboot e System76 EC (controller incorporato), il laptop System76 ottiene il vantaggio quando si tratta di avviare e riprendere i tempi.

(System76 ha anche aggiunto Coreboot alla sua nuova generazione di laptop Oryx Pro.)

Coreboot riguarda anche il controllo dell’utente. Perché è open source, può essere controllato e modificato, offrendoti un maggiore controllo – più proprietà – sul tuo PC.

Al momento, tuttavia, non esiste alcuna variante di Coreboot per i chipset Matisse e Renoir di AMD – quelli che conosciamo come processori Ryzen 3000 e Ryzen 4000, rispettivamente. Questo è ciò che rende così importante il lavoro imminente di Jeremy Soller.

“Saremo gli unici nell’universo a offrire a questi processori un firmware open source se funzionerà”, mi dice Soller.

System76 offre più sistemi con chip AMD Ryzen, ma i suoi sforzi per portare Coreboot su Renoir mi entusiasmano ridicolmente. Questo potrebbe prefigurare un laptop System76 come Oryx Pro o Lemur Pro con CPU Ryzen 4000? Dopotutto, devo ammettere la sorpresa del fatto che sia Slimbook che Tuxedo Computers battere System76 al pugno in quel dipartimento.

Al momento Soller afferma che la società non ha nulla da annunciare formalmente. Ma Coreboot su qualsiasi PC System76 equipaggiato con AMD Ryzen attuale o futuro varrà la pena aspettare. Non è una garanzia né una promessa a questo punto, ma ti terrò aggiornato man mano che questo entusiasmante sforzo progredisce.



[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *