[ad_1]

Larry Whiteside Junior è abituato a stare da solo. Non letteralmente: come un padre di cinque figli, Whiteside ha molta compagnia integrata. Ma come un uomo di colore con una carriera di 25 anni nel campo della sicurezza informatica, Whiteside ha affermato di essersi abituato a essere l’unica persona di colore nella stanza, se non la compagnia.

“Non c’era nessuno”, ha detto Whiteside in un’intervista telefonica questo mese di rappresentanza nera nel campo della sicurezza delle informazioni quando ha iniziato negli anni ’90. “Non ho mai visto nessuno che mi somigliasse.”

Whiteside ha ottenuto la sua prima esposizione alla sicurezza informatica nella US Air Force, dove ha prestato servizio per otto anni dopo aver completato una laurea in informatica nel 1994. Passarono anni prima di incontrare altri professionisti della sicurezza informatica. “Non è stato fino a quando non mi sono trasferito a (Washington) DC nel 1998”, ricorda Whiteside. “E anche allora era molto e molto in mezzo – soprattutto a livello esecutivo.

Due decenni dopo, dopo aver ricoperto posizioni come CISO e consulente, Whiteside sta affrontando quella che potrebbe essere la sua sfida più consequenziale e difficile: diversificare un campo che lo ha accolto, ma che si è dimostrato a lungo inaccessibile e poco gradito alle minoranze e alle donne di ogni estrazione . È co-fondatore e presidente della Consorzio internazionale dei professionisti della sicurezza informatica delle minoranze (ICMCP), un 501 (c) 3 dedicato allo sviluppo di professionisti della sicurezza informatica di minoranza in tutto il mondo.

Diversità: parlare costa poco

Il compito è scoraggiante. Un 2018 indagine condotta per ISC (2) da Frost & Sullivan ha scoperto che solo il 9% degli addetti alla sicurezza delle informazioni si identificava come afroamericano o nero rispetto al 13,6% della popolazione in generale. Solo il 4% identificato come ispanico, rispetto a oltre il 18% della popolazione degli Stati Uniti.

Per Whiteside, la decisione di fondare l’ICMCP è stata frustrata dalla mancanza di progressi che hanno attratto persone di colore nel campo della sicurezza delle informazioni, nonostante le buone intenzioni.

“Ogni conferenza- sai: Gartner, ISC (2), RSA – lo chiami tu – ci sono stati pannelli. Ci sono stati webinar. Ci sono state conversazioni di ogni genere sulla necessità di diversità. ” Lo stesso Whitehead ha partecipato a molti di questi e ha affermato che spesso l’attenzione si concentra su ciò che più aziende potrebbero fare per favorire la diversità nei loro ranghi.

Ma quando negli ultimi anni il genere, la diversità e l’inclusione razziale si sono spostate al primo posto nel campo della tecnologia, ha capito che al di là delle parole non succedeva nulla. “Se guardi i numeri reali sia per le minoranze che per le donne, l’ago non si è mosso abbastanza.”

Whiteside ha affermato di aver deciso di concentrare ICMCP su “azioni tangibili che le persone possono intraprendere, come individui”. A tal fine, il gruppo ha creato funzionalità per aiutare i suoi membri a orientarsi: valutare le loro capacità rispetto a quelle richieste per ricoprire ruoli come ingegnere della sicurezza, specialista GRC, analista della sicurezza e altro ancora. A seconda del risultato, i membri possono connettersi con allenatori e tutor di carriera per aiutarli a concentrare i propri sforzi e sviluppare le competenze necessarie per ottenere il lavoro che desiderano. Secondo lui, orientare e preparare i candidati delle minoranze alle realtà del mercato del lavoro per la sicurezza delle informazioni li aiuterà a sbarcare effettivamente.

Ripensare l’assunzione

Ma le aziende devono dare una possibilità a quei candidati, e questo richiede cambiamenti nel modo in cui le assunzioni avvengono attualmente nelle aziende high-tech.

Secondo Whiteside, le aziende tecnologiche sono disposte a dare la priorità all’assunzione di candidati di minoranza. Ma il loro processo di assunzione troppo spesso si appoggia su reti (come dipendenti esistenti) e istituzioni (come università locali o società professionali) che mancano anche di diversità. Il risultato è una scarsità di candidati di minoranza nella pipeline dell’intervista e ancora meno assunzioni di minoranze.

La distorsione inconscia svolge un ruolo anche nel tenere fuori le minoranze, ha affermato Whiteside. “Una volta che li porti di fronte a te, qual è il tuo livello di comfort? Se torni a valutare una persona che si è sentita più a tuo agio con te perché eri come loro o avevi un passato simile a loro; ti sentiresti più a tuo agio con loro rispetto a qualcuno … che non ti assomiglia e ha un retroscena diverso? ”

Portare i candidati delle minoranze a un lavoro richiede che i dipartimenti delle risorse umane ripensino a ciò che stanno facendo da zero: da dove cercano candidati; a chi considerano; come li intervistano; e anche come descrivono le posizioni che stanno cercando di riempire, ha detto.

Cyber ​​What? Consapevolezza, mancanza di opportunità

Anche le aziende e i professionisti della sicurezza delle informazioni devono farsi strada nelle comunità delle minoranze se uomini e donne delle minoranze considereranno la sicurezza informatica come una carriera.

L’introduzione alla tecnologia di Whiteside è arrivata a 16 anni dopo che i suoi genitori si sono separati e sua madre ha spostato lui e i suoi fratelli da un quartiere in difficoltà economica (“Era il cappuccio”, ha detto Whiteside in modo piatto) in un quartiere benestante, per lo più bianco nella stessa città. Nel suo nuovo liceo, una scuola di magnete, Whiteside ha detto che ha avuto il suo primo incontro con i computer ed è stato agganciato. “Non avevo mai visto un computer prima”, ha detto. “Per me, quello è stato un evento che ha cambiato la vita.” È stato introdotto a linguaggi di programmazione come FORTRAN e PASCAL. “Ero tipo ‘Oh mio Dio, posso farlo.'”

Prima che un numero maggiore di uomini e donne decidesse di entrare nella sicurezza informatica, Whiteside ha affermato che la sicurezza informatica deve andare da loro. Al di là il “digital divide” e l’assenza di tecnologia nei distretti scolastici poveri e di minoranza, i genitori in quelle comunità spesso non sanno che la sicurezza delle informazioni è una carriera promettente, un percorso verso la classe media con una pista più breve della medicina o della legge e probabilità di successo molto migliori rispetto allo sport o all’intrattenimento professionale.

Whiteside, i cui figli più grandi stanno frequentando l’università, ha dichiarato di considerarsi “beato e molto fortunato” per aver avuto la carriera che ha avuto.

“Prima di tutto, mi ha permesso come uomo di colore in America di offrire ai miei figli una vita che è molto più grande di qualsiasi cosa io abbia mai sperimentato”, ha detto. Bisogna fare di più per eliminare le disuguaglianze nell’istruzione e nelle opportunità che bloccano le minoranze di uomini e donne.

“Stiamo potenzialmente eliminando un intero gruppo di persone perché non hanno la capacità di ottenere alcune di queste cose che consideriamo livelli di istruzione di base”, ha affermato.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.