[ad_1]

Per la prima volta in più di due anni, Samsung non ha venduto la maggior parte dei telefoni al mondo in un trimestre. Secondo i risultati rilasciati e controllati dalla società di ricerca Canalyst, i 55,8 milioni di telefoni Huawei sono stati spediti nel secondo trimestre del 2020, battendo 53,7 milioni spediti da Samsung al primo posto.

Apple si trova comodamente nel terzo trimestre con un numero compreso tra 40 e 45 milioni, con i numeri esatti ancora confermati al momento della pubblicazione. Xiaomi e Oppo hanno chiuso rispettivamente quarto e quinto con 28,8 milioni e 25,8 milioni.

Ciò sembrerebbe essere una grande vittoria per il colosso della tecnologia cinese, il cui business mobile ha subito un duro colpo a maggio 2019 dopo essere stato inserito nella “lista delle entità” negli Stati Uniti dall’amministrazione Trump, che essenzialmente ha impedito a Google di fornire i suoi principali servizi mobili a Huawei. Combinando i numeri di vendita Q2 e Q1 (49 milioni) di Huawei, la società ha venduto la maggior parte dei telefoni nel 2020 finora.

Ma c’è di più nei numeri oltre al semplice titolo. Quando ho visto i numeri per la prima volta, ho ipotizzato che Covid-19 dovesse aver avuto un ruolo, dal momento che il mercato chiave di Huawei, la Cina, ha ripreso principalmente la normale vita quotidiana, mentre il Nord America (il mercato chiave di Samsung al di fuori del suo paese d’origine) sta ancora recuperando.

E così ho parlato con Mo Jia, un analista parigino di Canalyst, per un ulteriore contesto.

“La Cina è tornata alla vita normale prima [countries in the west] ha sicuramente contribuito alla situazione “, ha detto Mo, aggiungendo che dei 55,8 milioni di telefoni venduti da Huawei nel secondo trimestre, 40 milioni erano in Cina. “Ma Huawei è anche riuscita a impedire che i suoi numeri di vendita europei cadessero in caduta libera, come molti avevano previsto dopo che erano stati inseriti nell’elenco delle entità”.

Mo ha dichiarato che i numeri del mercato europeo di Huawei sono diminuiti dal 22% nel secondo trimestre del 2019 al 16% in questo trimestre, ma questo calo è relativamente basso considerando la pandemia in corso e la situazione di Google.

Huawei è riuscito a rimanere a galla nell’Europa occidentale per ora rilasciando modelli più vecchi di telefoni come il P30, che può ancora utilizzare i servizi principali di Google grazie alla sua certificazione prima dell’elenco delle entità.

“Huawei sta essenzialmente cambiando il guscio cambiando i colori o costruendo materiale di un telefono esistente e rilasciando in Europa, che stanno vendendo”, ha detto Mo, aggiungendo che la perdita dei servizi di Google ha danneggiato soprattutto le nuove vendite di telefoni Huawei nell’Europa occidentale a causa affidamento del consumatore a Google.

“Ma ci sono altre parti d’Europa come la Russia e la Turchia, che non fanno così affidamento sui servizi di Google, e le vendite di Huawei sono rimaste forti in quelle regioni”.

Ma, naturalmente, questa strategia non può durare, poiché questi telefoni con elenchi pre-entità alla fine saranno troppo sottodimensionati mentre la tecnologia mobile continua a spingere in avanti.

“Huawei dovrà diffondere HMS a lungo termine per garantire vendite continue nell’Europa occidentale.”

Huawei, ovviamente, lo sa e sta cercando di farlo. In una chiamata separata con Andreas Zimmer, responsabile dell’ecosistema e dell’ecosistema di app store di Huawei per il suo app store mobile, ha affermato che il numero di persone in Europa che utilizzano i servizi mobili Huawei (l’alternativa di Huawei ai servizi Google vietati) è passato da 530 milioni a 700 milioni dal Q1 2019 al Q2 2020.

Il marchio sta adottando un approccio attivo per invogliare gli sviluppatori di app europei a costruire per l’ecosistema Huawei sotto forma di incentivi, tra cui un programma da 1 miliardo di dollari finalizzato a coltivare e supportare gli sviluppatori di app in occidente per costruire per i servizi mobili di Huawei.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.