[ad_1]

Oltre la metà (56%) degli acquirenti di agenzie ha affermato che i loro clienti hanno messo in pausa la pubblicità di Facebook trascorsa questo mese in risposta alla campagna “Stop Hate for Profit”.

Il sondaggio di Digiday ha rilevato che circa il 40% ha dichiarato che i propri clienti non avevano sospeso la spesa su Facebook, mentre il 4% non lo sapeva.

Alla domanda se hanno creduto se l’attuale boicottaggio avrebbe effettivamente portato Facebook ad attuare cambiamenti significativi, il 55% ha dichiarato di non crederlo.

Mentre i marchi hanno “boicottato” Facebook prima, il movimento di quest’anno sembra essere più grande. Le chiamate dei gruppi per i diritti civili hanno chiesto a Facebook di applicare le politiche sull’odio in modo diverso, alimentate dalla rabbia di massa per le ingiustizie sistemiche e il razzismo negli Stati Uniti dopo l’uccisione di George Floyd e Breonna Taylor. Inserzionisti come REI e Patagonia hanno aderito, insieme a grandi agenzie.

È ancora da vedere se questo fa davvero la differenza. La maggior parte dei marchi stava pianificando di tagliare la spesa comunque, a causa dell’attuale crisi.

Ragioni su ciò che le “richieste” del boicottaggio erano varie. La stragrande maggioranza afferma che i valori del marchio di Facebook non si allineano con i valori del marchio del cliente, mentre i loro clienti spenderebbero di più con Facebook se avesse una “migliore reputazione”.

Circa il 41% ha dichiarato di aspettarsi che i clienti riprendano la spesa entro la fine di luglio, mentre il 26% ha dichiarato che sarebbe alla fine del terzo trimestre. Circa il 17% ha dichiarato che non riprenderà fino a quando Facebook non farà “cambiamenti significativi”.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *