[ad_1]

Il tuo feed Instagram sarà stato pieno di donne, famose e non, che pubblicano immagini in bianco e nero di se stesse con la didascalia “Sfida accettata” negli ultimi giorni. Potresti anche aver ricevuto alcuni DM che ti chiedono di unirti alla tendenza, sulla falsariga di “Pubblica una foto in bianco e nero, da solo, scrivi” sfida accettata “e aggiungi gli hashtag. Aiuta a diffondere l’amore e chiedi ad altre donne fantastiche di fare lo stesso con i DM “. Ma molti di questi post e DM non spiegano da dove provenga questa sfida, perché sia ​​importante e di cosa sia utile – come è comune con Instagram, un messaggio importante diventa qualcosa di performativo che ci centra piuttosto che la causa. Confuso? Noi a. Finora, ci sono post da 5,3 milioni sotto l’hashtag su Instagram. Con la maggior parte di loro mancano di una spiegazione sul perché hanno partecipato o da dove provengono.

Chi ha iniziato la sfida?

Una giornalista del NY Times, Tariro Mzezewa ha twittato di aver parlato con alcune donne turche che hanno affermato che “è iniziato lì come risposta alla loro frustrazione nel vedere sempre foto in bianco e nero di donne che sono state uccise”. Aggiungendo, “Gli hashtag turchi sulla violenza domestica e sul femminicidio sono stati abbandonati quando la sfida è diventata virale … Gli hashtag di accompagnamento originali erano # kadınaşiddetehayır # istanbulsözleşmesiyaşatır che mi è stato detto tradurre per dire no alla violenza contro le donne e applicare il Trattato di Istanbul / Dottrina (dove sono firmati i diritti di protezione delle donne.) “

Per vederlo incorporato, devi dare il consenso ai cookie dei social media. Apri il mio preferenze sui cookie.

Dr. Pragya Agarwal è andato su Instagram e ha spiegato con forza la sfida, “selfie in bianco e nero. Non è solo un gioco caldo o no. O un esercizio di vanità. Non è solo una sfida insensata che le donne si impegnano a pubblicare i loro scatti più sexy. Queste sono alcune delle critiche che questa #challenge ha affrontato. È un gesto molto serio di sfida a sostegno delle donne turche (la Turchia ha uno dei più alti tassi di femminicidi), a sostegno di Pinar Gultekin che è stato ucciso nel modo più violento, a sostegno di ogni donna che si è sentita minacciata e insicura “Agarwal ha aggiunto” Questo è uno spettacolo di solidarietà per dire che stiamo insieme, non abbiamo paura, siamo stufi della mancanza di responsabilità nei confronti degli autori. Questo è stato iniziato dalle donne turche per dire che sono sconvolti dalla decisione del governo turco di ritirarsi dalla convenzione di Istanbul proprio come la Polonia. “

Cos’è la Convenzione di Istanbul?

Potresti averlo visto nelle notizie di recente, poiché la Polonia ha preso una decisione proficua di lasciare il trattato, e ora la Turchia è pronta a seguire. La Convenzione di Istanbul è il primo Trattato giuridicamente vincolante che “È il quadro giuridico più completo che esiste per combattere la violenza contro le donne e le ragazze, che copre la violenza domestica, lo stupro, l’aggressione sessuale, le mutilazioni genitali femminili (MGF), la cosiddetta violenza basata sull’onore e il matrimonio forzato”.

Pinar Gültekin, una donna turca, è stata brutalmente assassinata dal suo ex fidanzato. E questo non è un caso insolito. Secondo uno studio del 2009 Il 42% delle donne turche di età compresa tra 15 e 60 anni ha subito violenze fisiche o sessuali da parte di mariti o partner. Ogni anno il tasso di femminicidi sta peggiorando: nel 2019, 474 donne sono state assassinate – principalmente da partner e parenti – e questo è solo il numero registrato. La Convenzione di Istanbul è necessaria e il potenziale ritiro dalla Turchia ha comprensibilmente suscitato indignazione.

Per vederlo incorporato, devi dare il consenso ai cookie dei social media. Apri il mio preferenze sui cookie.

Se ti stai unendo alla sfida, cerca di non saltare sul carro: sfidati istruendoti sulla violenza che le donne stanno affrontando, riconosci che è a sostegno delle donne turche assassinate e in segno di protesta contro i legislatori turchi. Perché * solo * pubblicare un selfie in bianco e nero di te stesso non è una sfida per nessuno o per nessuno.



[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *