[ad_1]

Puoi o no? Questa è la grande, grande domanda.

I ricercatori hanno cercato di capire se è possibile essere infettati dal coronavirus Covid-19 più di una volta. Dopo tutto, chi vuole un sequel di una brutta esperienza, come guardare Cresciuto 2 dopo il film Adulti? Inoltre, la risposta a questa domanda può aiutare ad affrontare molte altre cose come se è sicuro tornare alle normali attività, quanto sia efficace un vaccino e quanto tempo può durare questa puzzolente pandemia.

Allora, qual è la risposta adesso? Bene, come con la corsa di Kanye West per la presidenza, le cose non sono ancora del tutto chiare. In effetti, possono sembrare decisamente confusi. Tuttavia, alcuni studi scientifici pubblicati di recente hanno offerto ulteriori elementi di prova.

Ad esempio, ci sono i pezzi di Rhesus da uno studio pubblicato sulla rivista Scienza. Questo studio ha comportato l’infezione deliberata di una serie di macachi Rhesus con la grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV2) e quindi la possibilità di infettarli deliberatamente. Il macaco fa rima con il sacco hacky, Monterrey Jack e la pista nordica ed è una specie di scimmia. Questa specie ha molte somiglianze con gli umani, ad eccezione forse dell’intera cosa delle termiti e degli scarabei che mangiano e dell’esposizione dei tuoi genitali quando minacciati. Bene, gli ultimi due almeno non sono somiglianze con la maggior parte degli umani.

Per lo studio, un gruppo di ricerca del Peking Union Medical College, Pechino, Cina, guidato da Chuan Qin, ha sfidato intratrachealmente sei macachi con il SARS-CoV-2. Ora, se qualcuno ti dice che vogliono metterti alla prova intratrachealmente con un virus (o qualsiasi altra cosa come le ciambelle), tieni presente cosa significherebbe. Ciò comporta fondamentalmente attaccare un tubo lungo la gola nella trachea e quindi posizionare il virus lì. È un modo per assicurarsi di essere infettati.

Il team di ricerca ha quindi confermato che i macachi si sono ammalati del virus. Ciò includeva testarli sul wazoo, letteralmente. Hanno regolarmente controllato le temperature rettali dei macachi e i loro retti, gole e cavità nasali per il virus. Inoltre, il team di ricerca ha seguito i sintomi dei macachi e ha eseguito radiografie del torace che hanno rivelato segni di polmonite.

I test sul sangue dei macachi hanno mostrato che nel corso dell’infezione i macachi hanno sviluppato anticorpi contro i picchi proteici sulla superficie del SARS-CoV2. Se ricordi, il coronavirus Covid-19 sembra una pallina da massaggio appuntita e usa le punte per attaccarsi ed entrare nelle tue cellule. Questa era la prova che il sistema immunitario dei macachi rispondeva contro il virus.

Alla fine, i sei macachi sopravvissero alle infezioni e si ripresero dai loro sintomi. Tuttavia, le sfide non sono finite qui per quattro dei macachi. Ventotto giorni dopo la loro prima sfida intratracheale, hanno avuto, indovina, un’altra sfida del genere. Gli altri due macachi sono stati risparmiati questa seconda infezione e sono rimasti come controlli da utilizzare per il confronto.

Dopo essere stati ricontestati, i quattro macachi hanno sviluppato febbri per brevi periodi di tempo, ma per il resto non hanno mostrato altri segni di reinfezione nelle due settimane successive, sulla base delle radiografie del torace e dei test, di nuovo nel wazoo. In effetti, i quattro macachi ri-esposti hanno raccolto livelli ancora più elevati di anticorpi contro le proteine ​​del picco rispetto a quelli che avevano durante la prima infezione.

Quindi sembravano 28 giorni dopo l’infezione iniziale, i macachi avevano ancora un qualche tipo di immunità contro il virus. Buone notizie se vi capita di essere un macaco e leggendo questo. Ma cosa succede se non sei un macaco? E se tu fossi umano? Sei abbastanza simile ai macachi se alzi o meno la coda quando sei intimidito? Questi risultati si applicano a te?

Purtroppo, non ci sono ancora stati studi di sfida simili sugli esseri umani. Un documento dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) del 6 maggio ha esposto una serie di rischi e sfide etiche nel fare studi di sfida umana in cui i volontari sarebbero stati deliberatamente esposti alla SARS-CoV2. Come puoi immaginare, essere esposti a un virus potenzialmente mortale non equivale a essere esposto a qualcosa come le ciambelle. Esistono rischi immediati reali. Inoltre, se non l’hai ancora capito, gli umani hanno una lunga storia di cose molto brutte tra loro. Ciò include discriminare le diverse razze e trarre vantaggio da quelli percepiti come di livello inferiore. Ad esempio, chi saranno esattamente i volontari per tali studi di sfida? Saranno le persone benestanti che possono saltare su yacht privati ​​quando è il momento della distanza sociale? O saranno più le persone in situazioni svantaggiate?

Un gruppo di scienziati ha avviato una petizione a Frances Collins, MD, direttore del National Institute of Health (NIH), di “intraprendere i preparativi immediati per i test sulle sfide umane”, sostenendo che ciò contribuirà a sviluppare e testare un vaccino Covid-19. Da un punto di vista scientifico, gli studi sulle sfide umane aiuterebbero sicuramente a rispondere a molte domande sull’immunità molto più direttamente e rapidamente. Ma come accennato in precedenza, condurre tali studi sulle sfide umane in modo sicuro ed etico non è così facile. Come il titolo di un film del 2009, è complicato.

Nel frattempo, tutti dovranno fare affidamento su studi umani più indiretti, come ad esempio lo studio pubblicato il 18 giugno in Medicina naturale. Per questo studio, un gruppo di ricerca dell’Università medica di Chongqing a Chongqing, in Cina, guidato da Ai-Long Huang, ha seguito quanto accaduto a 74 persone che erano state infettate con SARS-CoV2, la metà delle quali non ha mai sviluppato alcun sintomo. Pertanto, 37 sono state considerate infezioni asintomatiche e 37 erano infezioni sintomatiche.

La prima volta che si viene infettati da un virus, il sistema immunitario impiega del tempo a sviluppare una risposta anticorpale, supponendo che il sistema immunitario possa persino generare una risposta del genere. Non tutti i virus possono suscitare una risposta immunitaria. Il primo tipo di anticorpo che il sistema immunitario può produrre nel sangue è l’immunoglobulina M o IgM se non si ha il tempo di dire immunoglobulina. Questo anticorpo non dura a lungo, con la produzione che aumenta momentaneamente e quindi diminuisce. Per ricordarlo, usa la mnemonica “M” per un momento.

Prima che le IgM scompaiano, la produzione di un secondo tipo di anticorpo, l’immunoglobulina G o le IgG, aumenta e rimane in piedi per un lungo periodo di tempo. Le IgG sono l’anticorpo che può aiutare con l’immunità persistente. Pensa: “Accidenti, c’è ancora IgG?”

Ecco un Beckman Coulter Diagnostics video su IgM e IgG con musica di pianoforte molto drammatica in sottofondo:

Per lo studio di Nature Medicine, il team di ricerca ha misurato i livelli di questi tipi di anticorpi da tre a quattro settimane dopo che i pazienti erano stati esposti per la prima volta al virus. Per le IgM, l’81,1% di coloro che hanno avuto infezioni asintomatiche e l’83,8% di quelli che hanno avuto infezioni sintomatiche hanno finito per essere positivi. Allo stesso modo, per le IgG, una percentuale maggiore di pazienti sintomatici (78,4% contro 62,2%) è risultata positiva. In effetti, quelli che avevano avuto i sintomi tendevano ad avere livelli significativamente più alti di IgG (mediane di 20,5 contro 3,4) rispetto a quelli che non lo facevano.

Circa otto settimane dopo che si erano ripresi dalle loro infezioni, la maggior parte dei pazienti aveva già registrato un calo dei livelli di IgG, il 93,3% dei pazienti asintomatici e il 96,8% dei pazienti sintomatici. Non si trattava solo di un declino del bitty bitty ma piuttosto di grandi dimensioni, mediane di un calo del 71,1% tra i pazienti asintomatici e di un calo del 76,2% tra i pazienti sintomatici. Da notare che l’81,1% del gruppo asintomatico e il 62,2% del gruppo sintomatico hanno mostrato una riduzione dei livelli di anticorpi sierici neutralizzanti. In effetti, il 40,0% dei pazienti asintomatici e il 12,9% dei pazienti sintomatici non avevano più IgG misurabili.

Certamente, gli anticorpi sono solo uno dei componenti della tua risposta immunitaria a un virus, sebbene importante. Sono come pantaloni. Solo perché non li hai più non significa necessariamente che rimarrai completamente esposto, specialmente se ti capita di aver indossato Spanx sotto. Un certo tipo di immunità contro un virus può rimanere anche se non si hanno anticorpi rilevabili nel sangue. Ma verificare la presenza di anticorpi nel siero del sangue è attualmente il modo più semplice per misurare il livello di protezione che potresti avere.

Quindi, come si inserisce tutto ciò nei casi di persone che vengono nuovamente infettate dal virus? Ad esempio, quanto segue NBC 9 il segmento delle notizie ha riguardato il caso di una donna che apparentemente è stata nuovamente infettata:

È questo caso e casi simili in realtà casi di reinfezione? O rappresentano situazioni in cui si sono verificati risultati di test falsi negativi tra risultati di test positivi? In tali casi, quelle che sembrano due infezioni separate avrebbero potuto essere semplicemente un’infezione molto lunga. Inoltre, c’è la possibilità che una persona possa avere un test positivo e non essere più infetta. Il test per il materiale genetico virale (cioè l’RNA) potrebbe rilevare frammenti del virus piuttosto che l’intera versione live.

Ad ogni modo, i casi clinici sono casi clinici e non studi scientifici. Ci sono eccezioni ad ogni regola, fatta eccezione per la regola secondo cui maccheroni e formaggio sono sempre deliziosi e sempre appropriati. Se tali casi clinici rappresentano effettivamente reali reinfezioni, allora una domanda importante è quanto sono comuni tali eventi? Sono abbastanza rari o abbastanza comuni da essere molto preoccupati per loro?

Potrebbe essere che la tua risposta immunitaria e la tua successiva immunità dipendano fortemente dal tipo e dalla gravità dell’infezione che hai avuto in primo luogo. Al momento non avere sintomi può essere ottimo, ma potrebbe potenzialmente suscitare una risposta immunitaria più debole. Come hai visto, anziché essere un singolo tipo di malattia, Covid-19 può presentarsi in molti gusti diversi.

Quindi c’è la domanda su quanto può durare l’immunità. Come ho coperto in precedenza per Forbes, uno studio su coloro che hanno ottenuto la SARS originale durante l’epidemia del 2002-2003 ha suggerito che l’immunità può durare circa due anni. Ma come ha suggerito un libro pubblicato di recente su una famiglia il cui cognome fa rima con speed bump o pompa di aspirazione, solo perché sei della stessa famiglia non significa che ti comporterai esattamente allo stesso modo. Non è ancora chiaro in che modo SARS-CoV2 potrebbe differire dal virus SARS.

Quindi ci sono alcune prove che la risposta immunitaria alla SARS-CoV2 può differire in base a fattori come la gravità dell’infezione e la potenza del sistema immunitario. Anche la casualità può avere un ruolo perché nulla nella vita è al 100%. Se la tua risposta immunitaria non è stata molto forte in primo luogo, allora forse la porta viene lasciata aperta per la reinfezione. Un’infezione successiva sarebbe quindi più o meno grave? L’altro problema è la durata dell’immunità e della protezione. Sono passate solo poche settimane? Un paio di mesi? Un anno? Più a lungo?

Così tante domande.

In definitiva, l’immunità alla SARS-CoV2 può essere molto più complessa della situazione “sì, sei immune perché hai avuto l’infezione”. L’immunità non è come un toupee. Non è né acceso né spento. Diversi tipi di infezione potrebbero portare a diversi gradi di immunità che potrebbero durare per periodi di tempo diversi. Diverso può essere davvero buono quando si tratta di leadership, creatività, abbigliamento e insalata, ma non necessariamente con risposte immunitarie a un virus. Tale complessità potrebbe complicare ulteriormente il controllo della pandemia e la sua risposta. Farebbe approcci semplicistici come “oh, facciamo in modo che tutti siano esposti al virus e sacrifichiamo un sacco di vite in modo che la pandemia possa finire”, meno probabilità di funzionare.

Pertanto, la risposta alla domanda se si può essere infettati dal coronavirus Covid-19 più di una volta potrebbe essere “dipende”. Resta sintonizzato per ulteriori informazioni.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *