Ginevra Lamborghini torna a far parlare di sé per i commenti “poco controllati”: infatti dopo aver superato il caos mediatico relativo all’uscita infelice riservata a Marco Bellavia nella casa del Gf Vip qualch settimana dietro, l’ereditiera Lamborghini ha fatto nuovamente infuriare il pubblico di Twitter: L’ex concorrente ha infatti deciso di paragonare Twitter alla centrale nucleare ucraina dove si verificò un incidente a fine anni Ottanta, coniando un nuovo nome per il social dell’uccellino azzurro, “Twernobyl”.

 

Proprio su Twitter Ginevra è stata presa di mira insieme alla sua famiglia da haters che sono arrivati perfino ad augurare la loro morte: “Ragazzi sono costretta a parlare di ciò che sta succedendo ed è accaduto anche ieri sui social. Parlo soprattutto di Twitter per essere chiari. Sono state scritte molte offese dirette a mia madre, mia sorella e a me. Mia mamma è stata presa di mira perché ha detto che apprezzava Pamela Prati. Lei ha semplicemente detto per chi avrebbe votato durante il televoto. Ricordiamoci che mia mamma è una telespettatrice come tante altre e ha solo scritto di salvare Pamela”.

ginevra lamborghini

Vi pubblico una parte delle cose orrende rivolte a mia mamma – continua la sorella della ben più famosa Elettra –  Questo va avanti dal giorno in cui sono stata squalificata dal programma. Ieri sera sono fioccati sotto il post di sostegno a Pamela. Mia sorella e mia mamma costrette a cancellare l’app di Twitter. Ed è proprio riguardo questo social che è esploso il caos per una storia Instagram, poi cancellata, con un preciso riferimento al disastro di Chernobyl. “Twernobyl è rivolto agli hater tossici e ovviamente non al fandom. Lo davo per scontato ma evidentemente non mi sono spiegata bene”.

Alessio Mattarese
Author: Alessio Mattarese

Mi definiscono un imprenditore digitale ma sono semplicemente un sognatore .

Mi definiscono un imprenditore digitale ma sono semplicemente un sognatore .

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *