[ad_1]

Il benessere è molto più importante del peso. Comprende il comfort di un individuo, Salute e felicità, ed è molto più importante del numero sulla bilancia. Sfortunatamente, il governo sembra focalizzato su quest’ultimo mentre lanciano una campagna “anti-obesità” per aiutare le persone a “ridurre il loro peso”. È nel tentativo di ridurre la pressione sul sistema sanitario nazionale e ridurre il rischio di morte Covid19.

I piani includono: vietare la pubblicità di qualsiasi alimento ricco di grassi, zucchero o sale prima dello spartiacque, per evitare ore in cui i bambini hanno maggiori probabilità di vederli; richiedere ai ristoranti e ai caffè di aggiungere un conteggio calorico ai loro menu; aggiungendo potenzialmente etichette caloriche alle bevande alcoliche e proibendo offerte promozionali come “comprane una, prendine una gratis” su cibi grassi o zuccherati.

Non fraintendetemi, ci sono alcuni aspetti positivi: vietare la pubblicità di alimenti non nutrienti è, secondo me, una buona idea. Come afferma la dott.ssa Joshua Wolrich: “L’ambiente alimentare gioca un ruolo nelle nostre scelte alimentari e la pubblicità è in gran parte presente. Alcuni alimenti dovrebbero essere consumati con più moderazione di altri. La pubblicità di alimenti iper-appetibili e meno nutrienti rende più difficile farlo. “

Ma richiedere a tutti i ristoranti e caffè di aggiungere conteggi calorici ai loro menu in modo che le persone possano fare “scelte più informate”? Estremamente problematico. Ciò che stanno dicendo, in altre parole, è che le persone dovrebbero ridurre le proprie calorie e mangiare di meno; assicurarsi che stiano consumando meno di quanto farebbero normalmente.

Il problema? Ci sono circa 1,25 milioni di persone che soffrono di un disordine alimentare nel Regno Unito, secondo la carità del disturbo alimentare BATTEREe molte altre ancora con abitudini alimentari disordinate. Un focus sul consumo calorico – e in particolare su come tenerlo basso – è il comportamento da disordine alimentare del libro di testo, ed è estremamente pericoloso.

L’anoressia nervosa ha il più alto tasso di mortalità di tutti salute mentale disturbi ed è una malattia che tutti dovremmo fare attenzione per evitare di innescare a tutti i costi. L’enfasi ossessiva sul conteggio delle calorie, sulla lettura delle etichette degli alimenti e sul costante monitoraggio del peso per garantire che non superiamo il temuto marchio “BMI di 25” – essenzialmente riducendo noi stessi e il modo in cui mangiamo ai numeri – sono fattori scatenanti.

Come qualcuno che ha sofferto di anoressia nervosa per diversi anni, ecco un po ‘di contesto sul perché questi potrebbero essere fattori scatenanti. Mentre ero in preda al mio disturbo alimentare, mi piaceva avere un bersaglio, soprattutto un numero. Se potessi sopravvivere con il numero X di calorie un giorno, potrei batterlo il giorno successivo consumando meno? L’ho visto come una sfida e una cosa che ho messo in campo per completare. Lo stesso con il mio peso: ero pieno di miti secondo cui il diluente equivaleva meglio, ed ero ossessionato dal rendere il numero sulla bilancia il più basso possibile.

Ora immagina di essere la tua realtà quotidiana e di sentire il Primo Ministro esortare le persone a “perdere cinque chili” o uscire a mangiare nel tuo ristorante preferito e improvvisamente vedere un conteggio delle calorie schiaffeggiato accanto al tuo pasto normale. Attivazione. Massively. Sei gettato in un ambiente ostile.

Trigger a parte, devo sottolineare che le calorie non sono un modo preciso per misurare la salute. Qualcuno può consumare la quantità “calorica” ​​raccomandata di calorie, ma sono costituiti da cibi densi di sostanze non nutritive, mentre qualcuno può consumarne una quantità maggiore, ma la loro dieta è piena zeppa di cibi ricchi di sostanze nutritive. Significa che il primo è più sano? Assolutamente no. Lo stesso vale per l’ipotesi che le persone più magre siano più sane. Semplicemente non vero. La salute non è determinata esclusivamente dal numero sulla bilancia: è complessa e multidimensionale e ritorna alla mia precedente affermazione che il benessere è più importante del peso.

È anche incredibilmente importante capire che i disturbi alimentari non sembrano solo una donna molto magra. Molti maschi vivono con disturbi alimentari, così come molte, molte persone grasse e persone al di sopra del temuto marchio ‘BMI di 25’ (non inizierò su BMI e quanto sia problematico uno strumento per misurare la salute perché è un intero articolo in se stesso!). Solo perché non riesci a vedere un disturbo alimentare non significa che non esiste. E il fatto che le persone grasse che vivono con disturbi alimentari ora affrontano un messaggio brutale che il loro corpo è sbagliato e ha bisogno di cambiamenti mi spezza il cuore.

Le persone grasse sono attualmente schizzate sulle notizie come corpi senza testa accompagnati da titoli accusatori. Questa campagna è avvolta da vergogna – vergogna contro le persone grasse. Persone grasse che potrebbero non essere nemmeno grasse “perché mangiano troppo” – il peso di una persona dipende da una moltitudine di fattori, tra cui salute mentale, malattie, disabilità, povertà, genetica ed etnia. Non è semplice come ‘mangia di meno, muoviti di più’.

Ed ecco la cosa, che è assolutamente vitale: la vergogna non favorisce un cambiamento positivo; non è un motivatore efficace. In effetti, è stato dimostrato che aumenta effettivamente il rischio di eccesso di cibo negli individui. Riconosco e comprendo assolutamente che l’obesità è un problema che colpisce il SSN e deve essere affrontato, ma creare una cultura della vergogna e, in definitiva, l’abuso non è la soluzione.

Allora, qual è la soluzione – cosa favorisce il cambiamento positivo? Non ho le risposte esatte, ma so che compassione, empatia, sensibilità e sostegno sarebbero un buon inizio. Trovare un modo per interagire con il benessere mentale di un individuo, affrontare i fattori socioeconomici che così spesso portano all’obesità e fornire una corretta educazione nutrizionale potrebbe essere un buon inizio.

Beneficenza del disturbo alimentare Beat ha visto un aumento del 30% delle chiamate alla sua linea di assistenza durante l’epidemia di Coronavirus, secondo L’indipendente. In risposta, hanno creato un gruppo di supporto online, The Sanctuary, come spazio sicuro per le persone con disturbi alimentari per condividere preoccupazioni e consigli su come affrontare la pandemia. Per maggiori informazioni visita beateatingdisorders.org.uko donare Qui per mostrare il tuo supporto.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.