“Siamo contenti che al San Giovanni Addolorata sia in atto un processo di rinnovamento e potenziamento delle strutture specialistiche all’interno del nosocomio, ma a quanto pare sembra che questo progetto di rilancio non riguardi proprio tutti i locali adibiti a servizi essenziali per l’attività dell’Azienda ospedaliera.”

 

ospedale san giovanni

“All’assessore alla sanità Alessio D’Amato, che nel corso della visita odierna al San Giovanni si è recato anche alla palazzina del Presidio Britannico, indubbiamente un centro oftalmico di eccellenza regionale, sarebbe bastato deviare dal percorso “vetrina” studiato appositamente per l’occasione, per verificare la situazione di degrado e di vetustà in cui versano ancora, ad esempio, le stanze che ospitano il servizio di medicina del lavoro: corridoi fatiscenti, pareti scrostate, porte rotte, sporcizia, finestre vecchie e mal funzionanti, assenza di aria condizionata. Tutto questo nello stesso edificio e a pochi passi dai locali “oggetto dell’importante intervento di ristrutturazione e manutenzione straordinaria” finanziato dalla Regione Lazio. La prossima volta l’assessore non dimentichi di fare qualche passo in più per verificare con i propri occhi le reali condizioni in cui molta parte del personale sanitario ed amministrativo è costretto ancora a lavorare quotidianamente, nonostante segnalazioni e richieste di intervento avanzate da anni.” – Lo dichiara Luciano Ciocchetti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.