[ad_1]

Betty nella contabilità ha una gabbia per uccelli che le pende sulla testa.

Bob video chat dal suo portico, ed è quasi impossibile ignorare la sua piscina in background. Quando finalmente il boss si presenta, tutti notano quanto sia noioso il semplice muro bianco dietro di lei.

Sembra un miscuglio di sfondi di vita reale e fa male al cervello. Alla fine della giornata, siamo stanchi e vogliamo solo fare un pisolino.

La fatica dello zoom è una condizione reale. Lo so perché ne soffro anch’io. Gli sfondi sono troppo vari, troppo interessanti o troppo intensi.

Questo disturbo esiste perché dobbiamo guardare lo schermo e focalizzare la nostra attenzione, e il nostro cervello non è cablato per farlo.

A titolo di sfondo, una rapida digressione. I nostri cervelli preferiscono qualcosa chiamato dinamismo sensoriale, che coinvolge tutte le variazioni nella vita reale come i cambiamenti di colore, le raffiche di vento e l’illuminazione che si verificano nel mondo reale. Quando guardi fuori dalla finestra, vedi variazioni come una collina lontana, un albero in primo piano, un filo di polvere e i raggi del sole. È pacifico perché è vario.

In una chat o videochiamata Zoom, non lo si verifica.

Recentemente, Microsoft ha annunciato una soluzione al problemae penso che sia un passo nella giusta direzione. Non è solo uno sfondo virtuale, anche se fa parte di esso. In Microsoft Teams, è possibile abilitare Modalità insieme, che non solo crea una stanza virtuale ma mette anche tutti su una sedia o (presto disponibile) ad una scrivania o addirittura in una caffetteria. Non ha lo scopo di aumentare la variazione ma per minimizzarlo e ridurre il sovraccarico sensoriale.

Ora, prima di ridere dell’idea di sedie virtuali o di una scrivania, lasciatemi dire questo: nell’età di COVID-19, abbiamo bisogno di idee nuove anche se all’inizio sembrano un po ‘strane. Ho provato una chiamata di prova ed è stato abbastanza interessante: l’app rimuove automaticamente lo sfondo. Nella modalità Insieme, vedi solo la parte superiore del busto dei partecipanti alla riunione o anche solo i loro volti sorridenti. Attinge alla scienza del cervello in un modo che mi piace e supporto.

Ecco perché – La modalità Insieme è una soluzione alternativa alla mancanza di dinamismo sensoriale. Non vi è alcuna variazione: non è possibile vedere cinguettio degli uccelli sullo sfondo o in una piscina. Certo, vorrei che le chat video fossero più simili ai videogiochi, a dire il vero – una nuova versione chiamata Ghost of Tsushima è un buon esempio di un gioco che sembra ultra realistico. Potremmo andare tutti a cavallo e chiacchierare tra di noi.

Fino ad allora, prendiamo le sedie. UN lotto di loro.

Con la modalità Insieme in Microsoft Teams, il motivo per cui funziona è perché mancano le variazioni e questo ci mette a nostro agio. Dobbiamo solo guardare la persona e ciò che sta dicendo, non dobbiamo preoccuparci della scena di sfondo. Una delle statistiche che si sono distinte ha a che fare con il fattore di fatica. Circa la metà delle persone intervistate da Microsoft ha dichiarato di preferire non avere così tante cose da guardare durante una riunione. Questo ha perfettamente senso.

Nello stesso studio, hanno scoperto che la fatica inizia dopo circa 30-40 minuti. Dubito che Zoom abbia creato l’arresto duro di 40 minuti per le riunioni che utilizzano la versione gratuita per evitare l’affaticamento, ma è un bel vantaggio collaterale. (Tendo a tenere riunioni che durano solo 20-30 minuti.)

Un rappresentante di Microsoft mi ha detto che questo è tutto progettato per ridurre il carico cognitivo – e hanno le scansioni di imaging del cervello per dimostrarlo. La modalità aumenta anche l’interazione tra i team perché puoi vederti nella sala riunioni e avere maggiori probabilità di rispondere e reagire (rispetto a stare seduto lì come una statua congelata che controlla il tuo telefono).

Non sono sicuro se le sedie e le scrivanie virtuali si avvicineranno a quelle di noi che lavorano da casa, ma Microsoft merita il merito di aver provato nuove cose per aiutarci a collaborare in modo più efficace durante la pandemia. Sono curioso di vedere se questa nuova modalità può alleviare un po ‘dello stress e del disagio che tutti noi abbiamo in questo momento.

Se ciò significa che siamo tutti seduti su sedie virtuali o su una scrivania, proviamo.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.