[ad_1]

Marni sta affrontando un contraccolpo per la sua campagna flip-flop appena rilasciata, che presenta una serie di modelli Black in ensemble problematici insieme a una serie di affermazioni altrettanto problematiche.

Liberato ieri sul mondo tramite Instagram e individuato poco dopo Dieta Prada, le immagini raffigurano modelli che indossano una serie di oggetti “etnici” tra cui cappelli di erba intrecciata, collane di legno di Bayong e pile di braccialetti – nessuno dei quali, come noto DP, fa parte dell’ultima collezione dell’etichetta italiana (figura).

Altrove, in una fotografia che è stata cancellata dall’account IG di Marni, un modello è fotografato con grandi catene vicino ai loro piedi, che, a meno che non guardi incredibilmente da vicino, assomigliano a ceppi. Un altro ha la pelle dipinta con motivi argillosi.

Ma proprio quando pensi che non potrebbe andare peggio, lo fa. Terminare il tutto è stato un invio di e-mail con una serie di immagini finite con dichiarazioni che leggono “Jungle mood”, “Barefoot in the jungle” e “Tribal amulet” (!) Che sembrano intese a trasmettere il capovolgimento- umore e temi della campagna flop, ma servono invece a rafforzare gli stereotipi razzisti e coloniali arcaici.

Sorprendentemente, la campagna è stata proposta dal fotografo afro-brasiliano Edgar Azevedo e diretta da Giovanni Bianco, italiano-brasiliano. Come diceva Diet Prada nel loro post IG: “Si è perso qualcosa nella traduzione? Un maggiore contesto fornito dal marchio per spiegare la visione e la collaborazione con il fotografo avrebbe potuto aiutare in questa situazione, ma inutile dirlo, il danno è stato fatto quando il team di marketing ha deciso su queste parole “. Gli scatti di prodotti di infradito sovrapposti ai modelli non aiutano esattamente.

Nei commenti del post, le persone sono state veloci nel chiamare il marchio, con alcuni che chiedevano quale percentuale di neri impiegasse Marni, e altri che si chiedevano come la campagna fosse stata firmata e rilasciata. Apparentemente, il marchio non presta troppa attenzione al gioco, data un’immagine che presenta un infradito bianco incastonato gioiello posto di fronte a un modello nero accanto a una didascalia che recita “La regina bianca ornata appariva compiacente ma scultorea” rimane ancora da solo IG. In verità, l’industria della moda non smette mai di stupire.

Certo, non è la prima volta che succede qualcosa del genere, con il linguaggio usato che ricorda quello delle note stampa dello spettacolo SS16 di Valentino – che è stato anche condannato. Altrove, nel 2018 Gucci e Prada hanno affrontato un contraccolpo sui prodotti razzisti. In risposta, le etichette sono state create schede di diversità e inclusione, anche con dipendenti Prada di tutto il mondo sottoposti a formazione sulla sensibilità razziale. Con la moda che attualmente sta affrontando una resa dei conti quando si tratta di smantellare il razzismo sistemico che sta alla base del settore, sembra che Marni potrebbe fare per seguire le loro orme.

Abbiamo contattato Marni per un commento.



[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.