Il mondo degli NFT mostrato in una site-specific installation immersiva di Mauro Martino al MEET Digital Culture Center, il primo Centro Internazionale per l’Arte e la Cultura Digitale nato a Milano con il supporto di Fondazione Cariplo, dal 6 al 28 settembre 2022.

L’autore si cimenta in un’esperienza immersiva capace di rivelare l’aspetto quantitativo e analitico dei dati raccolti, interpretati artisticamente e poeticamente.
Il risultato finale è un data-film emozionante, fatto con dati e modelli di Intelligenza Artificiale. Un mondo tutt’altro che in crisi quello degli NFT dunque, un mondo interconnesso e sfumato: “per la prima volta ci renderemo conto della vera portata di questo fenomeno entrando nell’opera immersiva di Martino” – conclude Mattei.


Mauro Martino è Principal Research Scientist presso il MIT-IBM Watson AI Lab (Cambridge, MA, USA), dove ha fondato e dirige il Visual Artificial Intelligence Lab. Ma non è solo questo… è un vero artista che ha saputo rendere “dati scientifici e matematici” combinati insieme in una vera opera d’Arte che comunica forti emozioni ed è in grado di sedurre le persone.

Mauro Martino offre al pubblico di MEET con quest’opera un’esperienza indimenticabile quasi una prosecuzione dell’importante Atlante dell’Arte digitale made in MEET: Mapping the NFT Revolution è l’esplorazione più estensiva condotta fino ad oggi sul mondo NFT, un’opera creativa vera e propria in grado di rivelare l’aspetto quantitativo e analitico dei dati raccolti, ma soprattutto la loro dimensione qualitativa e poetica vero ponte fra mente e creatività umana e digitale.

L’esperienza immersiva inizia con una pioggia di immagini di oltre 500,000 NFTs. Dalle pareti fuoriesce una raffica crescente di figure, campione rappresentativo di tutta la popolazione NFTs. Osservando le diverse collezioni che si succedono si percepisce la storia degli NFT e la loro evoluzione.

Per la realizzazione di quest’opera sono stati analizzati oltre 10 milioni di immagini NFT, decine di milioni di contrattazioni nel mercato e centinaia di blockchain. Il risultato finale è appunto un data-film, una forma estetica nuova, emozionante, un risultato ibrido di dati e modelli d’intelligenza artificiale, un territorio nel quale ci stiamo inoltrando per la prima volta, vero Mondo Nuovo del nostro millennio, infine una vera opera d’arte…

Mapping the NFT Revolution  di Mauro Martino

philipp abussi

L’opera è stata realizzata in collaborazione con Andrea Baronchelli (Scientific Coordination), Luca Stornaiuolo (Generative AI) e Philip Abussi (Sound Artist – Music Production Company: Mokamusic).

Il sound artist Philip Abussi si è ispirato alle bellissime immagini create dagli algoritmi per sviluppare e progettare la struttura compositiva, partendo dai concetti di minimalismo e astrazione e utilizzando l’elemento musicale e sonoro, insieme alle immagini, come unici strumenti per la fruizione del racconto.

In quanto creatore di sound concepts oltre che compositore musicale, Philip Abussi nutre da sempre grande interesse per le nuove forme di linguaggio, soprattutto se applicate agli ambiti del multisensoriale, dell’immersivo e delle innovazioni tecnologiche.

Philip Abussi, attraverso una ricerca sonora ben precisa, interpreta, scompone, e ri compone l’universo descritto di Mauro Martino.

EXHIBITION: Dal 7 al 28 settembre 2022
 Dal martedì alla domenica, dalle ore 15.00 alle ore 19.00
 OPENING : Martedì 6 settembre 2022, ore 18.30

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.