[ad_1]

Si dice che il presidente Trump presto emetterà un ampio ordine esecutivo per abbassare i prezzi dei farmaci da prescrizione di Fiat.

Nulla è scolpito nella pietra. Secondo quanto riferito, l’ordine avrebbe indicizzato i rimborsi del governo per i medicinali ai prezzi pagati da Gran Bretagna, Francia, Canada e altre nazioni sviluppate. Dato che tutte quelle nazioni usano varie forme di limiti di prezzo per sopprimere il costo dei medicinali, questo ordine di “prezzi di riferimento” funzionerebbe come un di fatto controllo dei prezzi.

Il presidente Trump ha ragione nel ritenere ingiusto che gli americani paghino di più per le droghe rispetto alle persone di altre nazioni ricche. Ma l’ordine non migliorerebbe la vita dei pazienti americani. Ovunque siano stati provati, i controlli dei prezzi hanno ridotto la spesa per la ricerca biofarmaceutica, con conseguente riduzione di vaccini, terapie e cure.

Esistono modi migliori per ridurre il divario tra i prezzi delle droghe negli Stati Uniti e in Europa, quelli che non implicano la fissazione dei prezzi del governo.

L’ordine esecutivo previsto collegherebbe in modo specifico i prezzi dei farmaci statunitensi a un “Indice dei prezzi internazionale”, una media dei prezzi pagati in un insieme di paesi di riferimento. Tutte queste nazioni hanno sistemi sanitari totalmente o parzialmente socializzati che limitano il prezzo dei medicinali.

Andare avanti con questa misura si rivelerebbe disastroso per l’innovazione degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono leader mondiali nella ricerca e sviluppo, produzione quasi i due terzi di tutte le nuove medicine proprio perché il nostro sistema sanitario rifiuta i controlli dei prezzi e incentiva l’innovazione.

Portare con successo un nuovo farmaco dal laboratorio agli scaffali della farmacia è un processo pieno di rischi. La media impresa di ricerca e sviluppo richiede un investimento di più di $ 2 miliardi nel corso di un decennio. Solo il 12% dei trattamenti sperimentali che entrano in studi clinici alla fine assicurano l’approvazione della FDA.

Per rimanere praticabili, le aziende biofarmaceutiche devono valutare le loro creazioni che arrivano sul mercato in modo da riflettere questi rischi. Si affidano quindi fortemente al mercato statunitense, dove pazienti e medici apprezzano le medicine e i miglioramenti che apportano. Le vendite nei paesi a controllo di prezzo producono nel migliore dei casi entrate marginali.

Se gli Stati Uniti adottano di fatto controlli dei prezzi attraverso prezzi di riferimento esteri, quelli che finanziano la ricerca biomedica non accederanno a progetti di sviluppo rischioso. Secondo le stime dell’Ufficio del bilancio del Congresso, i prezzi di riferimento e altre misure simili di controllo dei prezzi potrebbero ridurre i ricavi delle società di ricerca di $ 1 trilione nel prossimo decennio.

Quel rapido calo delle entrate ostacolerebbe la capacità delle imprese di sviluppare trattamenti innovativi. In media, le aziende assegnano Dal 15% al ​​20% delle loro entrate alla ricerca e sviluppo. L’implementazione di una misura dei prezzi di riferimento spazzerebbe via decine, anche centinaia, di miliardi di dollari di spese per la ricerca nel prossimo decennio.

I potenziali trattamenti per il cancro, le malattie cardiache, l’Alzheimer e altre condizioni debilitanti non sarebbero mai stati realizzati. La promettente ricerca su trattamenti sicuri e efficaci e vaccini contro il coronavirus potrebbe bloccarsi. Saremmo terribilmente impreparati a rispondere alle future ondate e mutazioni del virus, per non parlare del prossimo nuovo patogeno.

Il presidente Trump non ha torto a preoccuparsi del divario tra i prezzi statunitensi e quelli stranieri. Ma ci sono modi per abbassare i prezzi dei farmaci e impedire ad altri paesi di sottrarsi alla loro giusta quota dell’onere della ricerca senza compromettere i progressi della medicina.

Può iniziare iniettando trasparenza nel mercato farmaceutico negli Stati Uniti. In questo momento, le compagnie assicurative assumono “gestori di benefici di farmacia” per aiutare a progettare i loro piani di droga. I PBM negoziano clandestinamente con i produttori sull’opportunità di includere farmaci nei formulari – gli elenchi degli assicuratori delle droghe coperte – ea quale prezzo.

I PBM usano questa leva per garantire decine di miliardi di dollari di sconti segreti ai produttori di droga. Ne tengono alcuni per se stessi e condividono il resto con gli assicuratori, che apparentemente trasmettono una parte di tali risparmi ai beneficiari sotto forma di premi modestamente inferiori.

Fortunatamente, l’amministrazione sta prendendo in considerazione un altro ordine esecutivo ciò frenerebbe nei PBM. L’approccio migliore richiederebbe a questi intermediari di rivelare gli sconti negoziati e trasferire i risparmi direttamente ai pazienti nel punto vendita per ridurre sostanzialmente le fatture di molti pazienti in farmacia, senza ridurre le entrate totali destinate ai ricercatori.

Il presidente e i suoi aiutanti potrebbero anche negoziare accordi commerciali più equi che impediscono il freeload straniero. Può iniziare nominando un negoziatore biofarmaceutico speciale con il rappresentante commerciale degli Stati Uniti, che può aiutare a garantire che le nazioni valutino i medicinali statunitensi in modo appropriato.

In questo momento, nel mezzo di una pandemia, il mondo ha bisogno di scoperte mediche più che mai. Un ordine esecutivo che impone il controllo dei prezzi esteri a casa danneggerebbe solo i pazienti che il presidente cerca di aiutare.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *