[ad_1]

TestoKamara Hakeem-Oyawoye

Parliamo con la creativa londinese di affinare la sua estetica in blocco e di come l’industria cambierà in futuro

Per molte persone, la quarantena ha permesso una libertà creativa che ha portato a uno sfogo di innovazioni nel campo del trucco tic toc e Instagram. Questo è stato il caso di Nicola Brittin, con sede a Londra truccatore che ha rapidamente scoperto che questo era il momento perfetto per affinare la sua estetica mentre rimaneva a casa con i suoi figli. Nonostante si sia allenato in un’epoca in cui gli artisti erano confezionati in un bellissimo trucco di moda o nella sua controparte potenzialmente raccapricciante e innegabilmente più divertente, la madre di due si è spesso trovata all’intersezione di entrambi gli stili.

Tuttavia, dopo aver studiato il primo ed essersi formato nel secondo con il famoso artista di bellezza, Alex Box, entrambi gli elementi si intrecciano perfettamente nel lavoro di Nicola. Scorrendo il suo account Instagram, troverai immagini con una pelle luminosa eterea e un trucco schizzato accanto a fiori colorati disegnati sul viso di sua figlia di quattro anni. Recentemente ispirato alla psichedelica degli anni ’70, c’è una gamma di colori vivaci e disegni divertenti che riflettono una gioia adolescenziale in cui ha allenato sua figlia.

“Le ho dato tre matite e ho detto disegna quello che vuoi sul mio viso. L’unica condizione era non togliermi la matita dalla faccia, quindi sono solo linee continue “, spiega. “Ha creato pezzi fantastici, perché non ci pensa troppo. Questo mi ha fatto fare lo stesso e mi ha davvero cambiato, mi è piaciuto molto. ” Usando questa esperienza come un’opportunità per sviluppare nuove abilità aspirazionali, la madre di due figli non mostra alcun segno di rallentamento della sua produzione una volta che i truccatori tornano a lavorare di nuovo sui set.

Qui, parliamo a Nicola di COVID-19, costruendo un futuro sostenibile e la narrativa mutevole della bellezza.

Puoi parlarci un po ‘di te e di come il tuo background ti ha plasmato?

Nicola Brittin: Cresciuto a Richmond, mi piaceva molto il dramma, quindi sono andato a Stagecoach, in Italia Conti, e ho fatto tutte le cose da jazz. È stato grandioso ma mi sono reso conto che non ero tagliato per questo. Un giorno, uno degli insegnanti di recitazione non si era presentato, quindi hanno tirato fuori uno dei truccatori e ci hanno mostrato come fare polsi, fori di proiettile e trucco per le ferite.

Avevo probabilmente circa 10 anni, quindi non ci avevo mai pensato prima, perché non avevo davvero guardato quelle cose. Mi ha davvero colpito, e lo ricordo da allora. Alla fine del college, sapevo che volevo davvero truccarmi. Ho guardato alcune scuole, ma ero troppo giovane e non avevo abbastanza soldi per andare nelle grandi scuole di trucco. Così ho finito per andare all’università e viaggiare. Alla fine, ho ottenuto un prestito e sono andato a Glauca Rossi.

Cosa hai imparato studiando lì?

Nicola Brittin: Ho adorato Glauca’s. Era una grande truccatrice negli anni ’60, quindi ti insegna come truccarti senza ritoccare. Lei crede solo perché adesso c’è il ritocco non significa che dovresti usarlo. Dovrebbe essere sulla sessantina adesso, ma entra ancora come una feroce italiana – ti urlerà per dirti cosa c’è che non va, ma impari la precisione.

Non è solo tutto glam e sopracciglia, ma anche un trucco decennale. Passi attraverso i diversi decenni e osservi le somiglianze e come si sono evolute l’una nell’altra. È una scuola favolosa ed è per questo che molti truccatori come Hannah Riley e Charlotte Tilbury sono andati anche lì.

In precedenza hai lavorato con Alex Box, qual è il miglior consiglio che ti ha dato?

Nicola Brittin: Una delle prime cose che mi ha insegnato non è mai stata etichettare. Solo perché dice che l’ombretto non significa che è ombretto – è solo un pigmento. Solo perché dice qualcosa sull’etichetta, non importa. Avrebbe creato un lavoro con un bastone o una cannuccia. Mentalmente, mi ha insegnato a non prendere tutto così sul serio.

L’industria della moda può davvero interessarti a volte: voglio solo essere il migliore e preoccupare ciò che gli altri pensano di te. Ha cercato di togliermelo dalla testa. Mi ha fatto molto bene, mi ha davvero aperto gli occhi e mi ha permesso di prendere la mia strada che non era la via più dura e veloce, ma era sicuramente quella giusta per me.

Cosa ti piace di più dell’essere un truccatore?

Nicola Brittin: Potrei scegliere un milione di cose, ma essere creativi ogni giorno è probabilmente il numero uno. Diventerei oscuro se non fosse per essere creativo ed è per questo che l’ho fatto in questo periodo perché sarei molto depresso. Inoltre, incontrare nuove persone ogni giorno, non dover mai andare in ufficio, viaggiare. Lo adoro perché è divertente.

Qual è il tuo processo di creazione di un look dall’idea iniziale alla realizzazione dell’immagine finale?

Nicola Brittin: Ho bisogno di ispirazione. Non sono un truccatore a cui possono essere dati solo tre prodotti e un pennello e mi viene detto di creare qualcosa. Ho bisogno di riferimenti e idee da libri che ho letto o cose che ho visto. Se qualcuno mi dice evasione, decido dove voglio andare con quello. Oltre al blocco era la psichedelia degli anni ’70, quindi ho guardato la carta da parati degli anni ’70, vecchi artisti come il sottomarino giallo dei Beatles e ho trovato ciò che amo di quelli.

Da lì posso essere un po ‘più veloce e sciolto. Mi piace la scioltezza della tua mano per l’uso dell’ombretto sul bordo di un fiore, quando non è perfettamente sul bordo, va bene per me. Ciò probabilmente porta il divertimento infantile nel mio lavoro. Ricevo dettagli all’inizio con l’ispirazione di dove andrò, ma una volta che sto effettivamente creando l’aspetto e applicandolo sul viso, non è dettagliato.

Quale pensi sia il concetto di bellezza? È qualcosa che cerchi di trasmettere attraverso il tuo lavoro?

Nicola Brittin: La bellezza è cambiata molto, soprattutto negli ultimi anni. Non sono un fan delle grandi sopracciglia IG e ho evidenziato l’estremità del naso – non ha senso per me accatastarlo. Mi piace la pelle grezza e mi piacciono le personalità delle persone, quindi provo a catturarla.

Se qualcuno dice di fare un trucco bello e naturale, ci sarebbe il meno possibile su quella faccia perché è quello che penso sia bello. Credo che la bellezza sia nella pelle; Adoro la pelle del bambino che ha quel piccolo arrossamento sotto, adoro la pelle dove puoi semplicemente pulire la guancia e il rossore lo attraversa. Adoro l’oscurità sotto i loro occhi e una vena qua e là. Penso che sia la cosa più bella.

Questo è ciò che amo quando vedo una foto o faccio uno scatto solo con la pelle e l’illuminazione è nel posto giusto. Il piccolo luccichio che è negli occhi e la lucentezza del balsamo per le labbra sulle labbra è folle. Questo è ciò che amo della bellezza: se vado oltre, diventerà sempre più strano e astratto.

“Se qualcuno dice di truccarsi in modo bello e naturale, ci sarebbe il meno possibile su quella faccia perché è quello che penso sia bello. Credo che la bellezza sia nella pelle, questa è la cosa più bella ”- Nicola Brittin

Che consiglio daresti ai truccatori che vogliono essere più sostenibili attraverso il loro lavoro?

Nicola Brittin: Devi solo fare la ricerca. Non penso che nessuno lo stia facendo perfettamente e non penso che possa ancora essere fatto. Le persone non possono creare un grande trucco, renderlo vegano in ogni colore e trama, non in plastica e non viaggiare in tutto il mondo. Consiglierei ai truccatori di decidere ciò a cui tengono di più e di iniziare da lì.

È vegan? È di plastica? Perché se è uno di quei due, malvagio. Hai scelto un marchio che lo fa, ma nessuno lo fa perfettamente, è quello che ho imparato finora. Le persone ci stanno arrivando, la cura della pelle potrebbe esserci qualcosa in più. Possono impacchettare più cose in vetro e cose del genere. Mentre il trucco usa pigmenti che hanno bisogno di prodotti di origine animale, quindi è un po ‘più complicato.

Come truccatori, il nostro lavoro è creare cose belle e la consistenza e la coerenza devono essere giuste. Questo è il motivo per cui non voglio dire alla gente che qualcuno sta facendo questo fantastico rossetto se non lo è, solo perché contiene tutte le cose giuste. Abbiamo anche bisogno che sia buono, tutto qui. Deve essere il migliore del lotto per il nostro lavoro.

Che tipo di consiglio daresti ai prossimi truccatori che vogliono entrare nel settore?

Nicola Brittin: È un momento molto strano per un nuovo truccatore. Questa potrebbe essere la fine degli assistenti per almeno un paio d’anni. Quindi, direi di non mollare se è un vero sogno – non solo una vittoria su Instagram. Studia e fallo. Avremo bisogno di più truccatori.

Dovranno trovare altre strade per mostrare alle persone cosa possono fare: se si tratta di Instagram o dei social media, se sta abbattendo le porte o attraversando altri modi per entrare in altri modi. Per un po ‘ho fatto un po’ di assistenza per le unghie, così ho incontrato le persone giuste. Si tratta di trovare altre porte attraverso le quali entrare.

Dazed Beauty riunisce tutto questo magnificamente, ma ciò che ho pensato come due strade diverse – il trucco del film e il trucco della moda – non lo è più. Puoi metterli tutti insieme. Quindi, studierei assolutamente se puoi permetterti e ami le protesi e il bel trucco. Mettili tutti insieme, potresti portare la cosa nuova.

Cosa pensi che sia il futuro della bellezza?

Nicola Brittin: Che tempo di porre questa domanda! Spero che il futuro sia più attento alle persone e all’ambiente. Black Lives Matter ha sicuramente posto alcune domande piuttosto brutte ad alcuni dei grandi marchi e spero che la pressione continui a salire su di loro, ma sono entusiasta di vedere che cosa porta.

Spero che le persone siano solo più creative e continuino ad essere creative come sono. È così eccitante vedere ciò che la gente può inventare nella propria testa, metterlo su Instagram e improvvisamente, è enorme perché nessun altro lo ha fatto. Spero che nessuno smetta mai di farlo ed è allora che fai i passaggi per i creativi che possono guidare la linea lì.



[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.