[ad_1]

Tradizionalmente, i medici e gli operatori sanitari hanno generalmente più opzioni quando cercano lavoro e determinano come possono praticare la medicina. Alcune di queste opzioni, sebbene non un elenco completo, includono: l’avvio della propria pratica privata, l’assunzione di un dipendente di una pratica già stabilita o l’adesione a un gruppo più ampio o al sistema sanitario / ospedaliero. Spesso, la specialità in esame determina quale sede ha più senso. Ad esempio, la medicina di emergenza viene spesso praticata in un ambiente ospedaliero più ampio (anche se le ER indipendenti sono un’altra alternativa comune), mentre specializzazioni come medicina di famiglia, dermatologia o pediatria possono essere praticate sia in ambito ambulatoriale in modo indipendente, sia all’interno l’ospedale. In effetti, i diversi modelli di pratica hanno ciascuno i rispettivi vantaggi e svantaggi e i medici spesso gestiscono le proprie aspettative personali di autonomia, qualità delle cure, risorse disponibili, finanze e popolazione di pazienti, nel determinare quale modello di pratica è il migliore per loro.

Secondo molti medici, uno degli aspetti più apprezzati della pratica privata è generalmente l’autonomia: un fornitore è in grado di modellare la propria pratica sulla base della propria visione dell’assistenza sanitaria. Tuttavia, ciò comporta spesso oneri finanziari e amministrativi. I gruppi più piccoli e più privati ​​devono competere con i sistemi sanitari più grandi che hanno già stabilito il loro nome e hanno investito infrastrutture in una determinata comunità.

Due settimane fa, la prestigiosa società di consulenza gestionale McKinsey & Company ha pubblicato i risultati di a studio innovativo esaminare il lavoro del medico e gli effetti della pandemia di Covid-19 sul panorama generale della pratica medica. Il rapporto indica che “[t]chiede che lo shock di COVID-19 sia senza precedenti e molti intervistati di medici ritengono che la conseguente perdita di entrate metterà le loro pratiche a rischio finanziario. Sei settimane dopo COVID-19, 53 percento di tutti i medici indipendenti hanno riferito di essere preoccupati per le loro pratiche sopravvissute alla sfida COVID-19 “. Ciò che è ancora più spaventoso è che “[a]uasi metà di tutte le pratiche mediche indipendenti ha dichiarato di avere a disposizione meno di quattro settimane di contanti…[and] Molti medici indipendenti hanno affermato che, a causa di COVID-19, stavano prendendo in considerazione la possibilità di collaborare con un’entità più grande, vendere la propria pratica o essere assunti. ”

Mentre molti medici possono ancora continuare ad avanzare come professionisti privati ​​nonostante le difficoltà, questi risultati indicano un clima molto terribile per un gran numero di pratiche indipendenti. Molte ragioni possono essere ipotizzate per le lotte finanziarie che stanno affrontando queste pratiche, la più probabile delle quali è semplicemente dovuta alla diminuzione dei volumi dei pazienti. Poiché le comunità hanno necessariamente enfatizzato la rigida disciplina all’inizio della pandemia per rimanere a casa e isolare il più possibile, molte persone hanno smesso di andare nell’ufficio del loro medico per i servizi di routine e di assistenza primaria. Poiché questa tendenza è continuata, molte istituzioni e pratiche sono state costrette a perseguire il cambiamento dei modelli di erogazione dell’assistenza sanitaria. Da allora alcuni hanno adottato la telemedicina e altre forme di visite cliniche virtuali o remote, mentre altri sono stati più lenti ad apportare modifiche, probabilmente con conseguente difficoltà finanziaria. Data la situazione attuale, il futuro sembra incerto per i gruppi e le pratiche di medici più piccoli. Solo il tempo dirà cosa accadrà a questi servizi sanitari critici.

Tuttavia, è importante notare che la pandemia di Covid-19 ha rivoluzionato l’assistenza sanitaria su tutta la linea, anche per gli operatori sanitari più grandi. All’inizio di questo mese, un rapporto di Becker’s Hospital Review indicato i terribili disordini finanziari degli ospedali si trovano ad affrontare a causa della pandemia: “Si prevede che quest’anno gli ospedali statunitensi perderanno $ 323,1 miliardi a causa della pandemia, secondo un recente rapporto dell’American Hospital Association. Il totale comprende $ 120,5 miliardi di perdite finanziarie che gli ospedali dovrebbero vedere da luglio a dicembre, nonché $ 202,6 miliardi di perdite che sono state previste tra marzo e giugno. Le perdite sono dovute in gran parte a un volume inferiore del paziente dopo aver annullato le procedure elettive. ” Pertanto, sembra che l’intero panorama sanitario sia stato devastato. Nessun singolo modello sanitario sembra essere completamente immune dagli effetti disastrosi del coronavirus.

In effetti, questa pandemia ha causato danni significativi che erano in gran parte imprevedibili solo 7 mesi fa. Con il ritmo allarmante con cui il virus continua a tormentare le comunità americane, è probabile che gruppi di medici indipendenti e sistemi ospedalieri più grandi debbano affrontare ancora più tumulti nei prossimi mesi e anni e devono prepararsi di conseguenza.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.