L’ascolto attivo è un’abilità di vita appresa nel tempo attraverso la consapevolezza di sé, la consapevolezza e l’attenzione ai dettagli. Applicare l’ascolto attivo sul posto di lavoro per aiutare a migliorare i rapporti professionali, comprendere i compiti e aiuta a crescere sia professionalmente che personalmente. Sul posto di lavoro, la comunicazione tra i colleghi è essenziale per la produttività. Se il vostro supervisore sta spiegando un nuovo processo di flusso di lavoro, dovete ascoltare attivamente per imparare come eseguire il processo. L’ascolto attivo richiede di parafrasare ciò che si sente esprimendo lo stesso messaggio con parole diverse e spesso in una forma molto più breve. Rispondendo al vostro supervisore con “Vediamo se sono chiaro su questo”, “Quindi mi sembra come se…” o “È così?” insieme a un riepilogo di ciò che avete sentito assicurerà e confermerà una comprensione per voi e il vostro supervisore. Abbiamo avuto il piacere di intervistare Marco Valentinsig e Joel Henry, cofondatori dell’azienda tech friulana, la quale ha deciso di applicare sin dal primo anno di attività l’ascolto attivo per i suoi dipendenti:

Quali sono le differenze tra ascoltatori attivi e ascoltatori passivi in un’azienda?
Gli ascoltatori passivi sono come i registratori: registrano le parole e perdono l’intento o il motivo sottostante alle informazioni. Se l’oratore sta fornendo un messaggio chiaro, gli ascoltatori probabilmente ascolteranno la maggior parte di ciò che viene detto. Gli ascoltatori passivi sono spesso distratti, guardando un telefono cellulare o ripassando un elenco di cose da fare nella loro testa, un’attività che distoglie l’attenzione da chi parla. Gli ascoltatori attivi interagiscono con i colleghi attraverso segnali non verbali come il contatto visivo e riformulano o parafrasano ciò che hanno sentito di nuovo ai collaboratori per confermare la loro comprensione delle informazioni. Ogni membro del team riconosce questa comunicazione e l’ascoltatore ripete il ciclo quando vengono introdotte nuove informazioni.

Quali sono i vantaggi dell’ascolto attivo?

Abbiamo ridotto sicuramente le incomprensioni che sono la fonte principale di discussione. Quando parafrasi ciò che un collega ha appena detto, stai confermando di aver compreso il messaggio, eliminando la possibilità di equivoci o incomprensioni. L’obiettivo è il benessere del singolo e del gruppo, conseguentemente poi aumentare la produttività. Impegnandosi in un ascolto attivo, è più probabile che ogni lavoratore conservi le informazioni e comprenda la natura della richiesta, della situazione o dell’attività, il che potrebbe consentire di completare gli incarichi accuratamente la prima volta. Inoltre ciò ci ha permesso di costruire delle vere e proprie relazioni. L’ascolto attivo può aiutare a stabilire fiducia, rapporto e comunicazione efficace tra i colleghi.

Avete migliorato l’equilibrio tra vita personale e professionale?

Assolutamente si, abbiamo compreso i ruoli in circostanze specifiche grazie anche alla definizione delle job description. Ogni collaboratore di Beliked ha il compito di essere consapevole dei ruoli e delle responsabilità nei confronti di se stesso, dei parenti e dei colleghi. Ciò che cerchiamo di condividere ogni giorno e di non lavorare troppo per fare una migliore impressione! Questa modalità è molto diffusa nelle aziende classiche e fra le persone che hanno desiderano fare carriera. Solitamente ci assumiamo tutto ciò che viene offerto senza renderci conto o valutare il nostro tempo e le nostre capacità. Spesso, tali decisioni sconsiderate si traducono in straordinari e questo non va bene. Ci impegnano a non dimenticare di delegare il lavoro a colleghi e assistenti. In questo modo, non solo diamo ad altre persone opportunità di lavoro, ma alleggeriamo anche il carico di lavoro per noi stessi. In un team di lavoro, è importante essere consapevoli dei punti di forza di ciascun dipendente per utilizzare le risorse di tempo con saggezza. Ci ispiriamo frequentemente ai colossi tech come Google, in cui la vita personale trova spazio anche all’interno del luogo di lavoro e viceversa senza influire drasticamente perché amministrata da regole di buon senso e rigore professionale. Siamo una famiglia in cui se c’è un problema si affronta insieme in tutto e per tutto.

È facile perdere la vera essenza di se stessi nella fretta di tutti i giorni: è bene però non dimenticare anche la necessità di attività fisica e relax. Un buon equilibrio tra vita professionale e vita privata deve diventare l’obiettivo di un cambiamento consapevole e pianificato. Una persona riposata è una persona produttiva!

Pasquale Minasi
Author: Pasquale Minasi

Italian Investor and Founder of BlueMagic Group

Italian Investor and Founder of BlueMagic Group

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *