[ad_1]

Il traguardo arriva quattro mesi dopo che il 26enne è stato colpito a morte da agenti di polizia nel Kentucky durante un raid del casa sbagliata

La petizione che chiede giustizia per Breonna Taylor, il 26enne ucciso a marzo da agenti di polizia nel Kentucky, ha accumulato oltre 10 milioni di firme. Ora è la seconda più grande petizione di Change.org nella storia, proprio dietro una chiedere giustizia per George Floyd, che è attualmente a 19,2 milioni di firme.

Taylor è stato colpito a morte da forze dell’ordine poco più di quattro mesi fa, quando il dipartimento di polizia di Louisville è entrato nella sua casa con un mandato diretto. Gli ufficiali intendevano fare irruzione in una “casa della droga” a più di 10 miglia di distanza, e avevano fatto irruzione in una proprietà sbagliata quando avevano assassinato Taylor.

Come dice la petizione: “Nessun singolo ufficiale si è annunciato prima di colpire la sua porta e sparare 22 colpi, sparando a Breonna otto volte, uccidendola”.

La petizione chiede che vengano presentate accuse contro gli ufficiali coinvolti: John Mattingly, Brett Hankison, Myles Cosgrove e Joshua Jaynes. Al momento della stesura, solo Hankison è stato licenziato – nessun altro ufficiale ha avuto ripercussioni.

Altre richieste includono il risarcimento del danno da morte alla famiglia di Taylor, la nomina di un procuratore speciale incaricato di indagare sul dipartimento di polizia di Louisville e il divieto di mandare a morte.

“Questo è andato avanti per oltre quattro mesi”, afferma la petizione. “Per settimane, la città ha trattato Breonna come se fosse una criminale, definendola un ‘sospetto’ prima di ammettere che era una vittima innocente e senza crimine. Non aveva droghe. Non ha commesso alcun crimine. Eppure è morta e gli autori non devono affrontare alcuna accusa. “

Taylor è stata una pluripremiata tecnica medica di emergenza che ha lavorato in due ospedali, continuando il suo ruolo di lavoratore chiave durante il coronavirus pandemia. La sua morte ha suscitato indignazione in tutto il mondo ed è un altro tragico esempio di ingiusta brutalità della polizia contro i neri.

Lo scorso mese, Beyoncé ha scritto un lettera aperta al procuratore generale del Kentucky chiedendo giustizia per Taylor. “Il tuo ufficio ha sia il potere che la responsabilità di rendere giustizia a Breonna Taylor”, ha scritto la superstar, “e dimostrare il valore della vita di una donna nera. Non lasciare che questo caso rientri nel modello di nessuna azione dopo una terribile tragedia. “

L’omicidio di Taylor è avvenuto due mesi prima che Floyd fosse ucciso dagli agenti di Minneapolis. Entrambe le morti sono al centro della corrente Black Lives Matter movimento, che ha visto la più grande rivolta civile negli Stati Uniti in oltre 50 anni.

Firma la petizione che chiede giustizia per Breonna Taylor Qui.



[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *