[ad_1]

Questo fa parte di un pacchetto speciale di Digiday su ciò che verrà dopo, guardando dall’altra parte della crisi attuale per esplorare i cambiamenti duraturi che stanno avvenendo.

Negli ultimi quattro mesi, dipendenti e datori di lavoro si sono adattati a un nuovo modo di lavorare non solo remoto ma più flessibile. Ciò è ovviamente emerso per necessità a causa della pandemia di coronavirus in corso. Ma i dirigenti e i dipendenti delle agenzie ritengono che alcuni dei flussi di lavoro e dei cambiamenti sul posto di lavoro rimarranno a lungo dopo che il coronavirus è sotto controllo, poiché le vecchie credenze su ciò che può essere realizzato fuori dall’ufficio sono state dimostrate false.

Il lavoro remoto e gli spazi di lavoro condivisi saranno normalizzati

Con i dipendenti che hanno lavorato in remoto negli ultimi mesi e i livelli di produttività sono ancora alla pari con le normali attività di persona, i dirigenti delle agenzie affermano che stanno cambiando idea per far lavorare i dipendenti da lontano.

Questo è vero per David DeMuth, CEO dell’agenzia pubblicitaria con sede a Detroit Doner. Gli ultimi quattro mesi hanno portato a una sorta di “epifania” sul lavoro a distanza per lui. Prima della pandemia, DeMuth riteneva necessario che i dipendenti, in particolare quelli con ruoli senior, lavorassero nell’ufficio dell’agenzia. Gli ultimi mesi, tuttavia, hanno dimostrato che lavorare con i dipendenti ovunque si trovino è un’opzione praticabile. “Ora potremmo non richiedere a qualcuno di muoversi”, ha detto DeMuth. “La mia mente è aperta a diverse possibilità ora.”

In futuro, i dirigenti delle agenzie ritengono che un modello ibrido di dipendenti che lavorano in remoto alcuni giorni e in ufficio altri giorni sarà probabilmente popolare una volta controllato il coronavirus. Tale modello probabilmente porterà a spazi di lavoro condivisi da più di un’agenzia.

“I clienti non vogliono più pagare le spese generali di tutti, quindi è un settore maturo per uno spazio di lavoro condiviso con accesso a risorse comuni”, ha affermato il co-fondatore e amministratore delegato di Caveat Josh Greenberg, aggiungendo che lo spazio di lavoro condiviso può essere vantaggioso perché “i professionisti creativi e le società di servizi creativi necessitano tutti degli stessi strumenti e risorse del fornitore”.

Un focus su diversi talenti

Senza la necessità per i dipendenti di vivere abbastanza vicino da recarsi in un ufficio ogni giorno, i dirigenti dell’agenzia elimineranno le restrizioni geografiche della ricerca di un dipendente vicino a tale ufficio. I datori di lavoro potranno quindi aprire il pool di talenti e assumere potenzialmente candidati al di fuori della loro area. Per alcune agenzie, la capacità di farlo potrebbe aiutare a diversificare la base dei loro dipendenti.

“Saranno in grado di assumere al di fuori delle principali città o luoghi tipici da cui reclutano”, ha dichiarato Michael Tonge, fondatore di The Culture LP e stratega creativo freelance. “Ciò consente alle persone di andare oltre le loro reti immediate. Come minimo porterà alla diversità nel pensiero. ”

Nelle ultime settimane, le agenzie hanno affrontato la mancanza di diversità (soprattutto nei ruoli di medio livello e di gestione) e alla ricerca di modi per affrontare il problema. Assumere semplicemente candidati più diversi non è sufficiente in quanto vi sono questioni sistemiche all’interno delle agenzie che devono essere affrontate per “consentire la vera diversità e inclusione a tutti i livelli quando si tratta di talento”, ha detto Tonge.

Detto questo, i dirigenti delle agenzie ritengono che concentrarsi su “l’assunzione, la formazione e il riconoscimento per diversi team e la gestione inclusiva diventerà la norma”, ha affermato Mack McKelvey, fondatore e CEO di SalientMG.

I pacchetti di benefit cambieranno

I dipendenti con uffici a casa prima della pandemia erano pronti per il passaggio al lavoro da remoto. Quelli senza tali servizi hanno dovuto capire cosa è necessario per rendere sopportabile il lavoro a casa. Alcuni datori di lavoro probabilmente apporteranno modifiche ai loro pacchetti di indennità – come uno stipendio per forniture per ufficio o fatture per telefoni cellulari – in futuro parte del loro pacchetto di indennità, secondo i dirigenti delle agenzie che affermano di dover rendere conto dei nuovi modi di lavorare.

“Le aziende dovranno ripensare i vantaggi”, ha affermato McKelvey. “Copriamo le bollette personali dei cellulari e il wifi di casa (sempre); ma in futuro le aziende dovrebbero trovare modi per compensare in modo creativo i costi (assistenza all’infanzia, stipendi per l’home office, ecc.) per questo nuovo ibrido di lavoro in ufficio / remoto ”.

Più di un focus sull’equilibrio tra lavoro e vita privata

Con i dipendenti che lavorano da casa, i confini tra lavoro e vita sono scesi. I dirigenti e i dirigenti delle agenzie affermano che adesso, a distanza di mesi da questo turno, c’è la consapevolezza che la separazione tra lavoro e vita dovrà essere ricostruita o rifatta per assicurarsi che i dipendenti non siano bruciati perché quei confini sono andati.

“Sarà più importante che mai ricreare una sorta di limite in modo che il lavoro non finisca per invadere troppo della nostra vita personale e alla fine creare risentimento (che alla fine porta al burnout)”, ha affermato PJ Pereira, presidente creativo e co -founder, Pereira O’Dell.

Con le linee tra il professionista e il personale sfumate fisicamente, alcuni credono che i confini delle ore lavorative diventeranno più flessibili per renderlo conto.

“Gli orari di lavoro e la disponibilità individuale non saranno più così comuni e collettivi dal lunedì al venerdì / 9-5 (o 9-9, nella vita dell’agenzia), ma saranno invece più limitati o flessibili a seconda delle circostanze individuali”, ha affermato Matt Wurst, USA amministratore delegato per il negozio di contenuti con marchio Revelation. “Le aziende e le aziende di successo saranno quelle che riconoscono, abbracciano, celebrano, si adattano e si basano su queste differenze.”

Maggiore flessibilità

Per anni, i dirigenti delle agenzie e i professionisti del marketing hanno usato “agile” e “agile” come parole d’ordine per configurarsi come moderno e differenziato. La necessità che i team siano sia “agili” che “agili” è stata certamente dimostrata negli ultimi mesi. Detto questo, la capacità di cambiare rapidamente rotta a causa di circostanze impreviste farà parte del processo delle agenzie molto tempo dopo questo momento.

“‘Pivot’ sembra la parola dell’anno”, ha dichiarato Katy Wellhousen, senior account director dell’agenzia di marketing influencer RQ. “Mentre agenzie e marchi hanno sempre avuto bisogno di pensare a modi per adattare le campagne ai cambiamenti culturali, gli ultimi quattro mesi hanno dimostrato che ci sono alcune cose che semplicemente non si possono prevedere”, ha detto. “Il più grande punto di apprendimento per me è stato mettere da parte l’ego e l’orgoglio e lasciar andare un concetto che non si adatta più al clima culturale”.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *