[ad_1]

Durante il periodo in cui molte compagnie americane congelarono l’assunzione o tagliarono posti di lavoro, Instacart fondata dagli immigrati si espanse. Instacart, che fornisce servizi di spesa, divenne anche un’ancora di salvezza per molti consumatori americani durante la crisi di Covid-19.

Il 23 marzo 2020, il fondatore e CEO di Instacart Apoorva Mehta annunciato, “Oggi abbiamo più acquirenti sulla piattaforma Instacart che mai. Data la continua richiesta dei clienti che ci aspettiamo nei prossimi mesi, attireremo altri 300.000 acquirenti a pieno servizio per supportare le città a livello nazionale “.

Un mese dopo, Instacart disse assumerebbe altri 250.000 lavoratori: “Poiché più persone cercano opportunità di guadagno immediate e flessibili in questo periodo, speriamo che Instacart possa essere un’ulteriore fonte di reddito per coloro che desiderano guadagnare e allo stesso tempo offrire consegne alle comunità in cui vivono”.

Apoorva Mehta è nato in India e si è trasferito con la sua famiglia in Libia per un po ‘prima di stabilirsi in Canada. Mehta ha conseguito una laurea in ingegneria elettrica presso l’Università di Waterloo. Negli Stati Uniti, ha lavorato presso Blackberry e Qualcomm come ingegnere progettista, quindi ha acquisito una preziosa esperienza in Amazon come gestore della catena di fornitura.

Non esiste una carta verde (residenza permanente) per i cittadini stranieri che avviano un’azienda di successo, né esiste un visto temporaneo per le startup nel sistema di immigrazione degli Stati Uniti. Ciò significa che gli imprenditori di origine straniera come Mehta devono ottenere la residenza permanente legittima attraverso un’altra strada, ad esempio essere ammessi come rifugiati, o come immigrati familiari o di lavoro. Ciò limita il numero di cittadini stranieri con talento e buone idee che possono avviare un’attività negli Stati Uniti. Mehta è un residente permanente legittimo, secondo Instacart.

UN recente rapporto della National Foundation for American Policy scoperto che sebbene non ci sia un visto di avvio negli Stati Uniti, il programma di avvio federale in Canada funziona bene, così come un programma gestito dalla provincia del Quebec. Il Regno Unito ha rinnovato il suo programma nella speranza di poter competere con la Silicon Valley nell’attirare imprenditori, mentre l’Australia e la Nuova Zelanda hanno entrambe categorie di startup che i funzionari governativi intendono migliorare.

Dopo aver lasciato Amazon, durante l’estate del 2012 Mehta ha trascorso del tempo in Y Combinator. Fu allora che fondò Instacart, che è valutato oggi a quasi $ 14 miliardi. “Gli immigrati hanno avviato oltre la metà (50 su 91, o 55%) delle startup americane del valore di almeno 1 miliardo di dollari e sono membri chiave dei team di gestione o di sviluppo del prodotto in oltre l’80% di queste società”, secondo un NFAP studia.

Mehta aveva diverse idee per le aziende, ma la sua prima ispirazione non è andata da nessuna parte. Secondo Mehta, anche le successive 19 idee che aveva per le startup non funzionarono. “Non sapevo nulla di questi argomenti, ma mi piaceva mettermi in una posizione in cui dovevo conoscere un settore e cercare di risolvere i problemi che potrebbero o non potrebbero aver avuto”, ha detto in un’intervista al Los Angeles Times.

L’idea di Instacart è nata da ciò che ha appreso dopo aver riscontrato un errore durante i suoi precedenti tentativi di avvio. “Era il 2012, la gente ordinava tutto online, incontrava persone online, guardava film online, eppure l’unica cosa che tutti devono fare ogni settimana – acquistare generi alimentari – lo facciamo ancora in modo arcaico”, secondo Mehta. “In meno di un mese, si era codificato una versione grezza di un’app che poteva essere utilizzata da persone che avevano bisogno di generi alimentari e una versione per coloro che stavano acquistando in negozio per i clienti. Alla sua prima prova, poiché Mehta non aveva ancora assunto alcun acquirente, ordinò tramite l’app, andò al negozio e consegnò la spesa a se stesso “, il Los Angeles Times segnalati.

In risposta al contenzioso, Instacart ha creato dipendenti part-time per i suoi acquirenti di generi alimentari anziché appaltatori indipendenti. “Siamo passati dall’assumere zero dipendenti part-time ad avere persone in migliaia di singoli punti vendita”, ha osservato Mehta. “Abbiamo dovuto capire la programmazione e che tipo di formazione doveva essere fornita. Dovevamo capire molte cose. ” Nel 2020, la società ha risposto alle preoccupazioni sulla salute dei suoi acquirenti emettendo nuovi linee guida di salute e sicurezza, ottenere ulteriori dispositivi di protezione e ampliare l’accesso alla retribuzione per malattia.

Apoorva Mehta e la sua compagnia hanno fornito servizi di shopping a molti americani, compresi quelli incapaci di fare acquisti da soli durante la crisi di Covid-19. Avviare una nuova impresa e riuscire richiede abilità e perseveranza. Apoorva Mehta ha avuto successo e gli americani ne hanno beneficiato.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.