[ad_1]

Gli eventi di lancio del prodotto e le pop-up con il marchio non sono più un’opzione, quindi gli editori, tra cui Group Nine, Atlas Obscura e Bustle Digital Group, stanno invece cercando di vendere i propri clienti su eventi virtuali.

Finora hanno trovato alcuni acquirenti. Group Nine ha organizzato cene virtuali, Atlas Obscura ha insegnato ai partecipanti il ​​controllo mentale e BDG ha offerto agli spettatori una pausa yoga molto necessaria.

Le entrate per un evento virtuale se venduto sono in alcuni casi inferiori. Ma i costi possono ancora accumularsi per gli editori che desiderano andare oltre una discussione di gruppo.

“Dobbiamo assicurarci di fissare le aspettative”, ha detto il gruppo Nove CRO Geoff Schiller, aggiungendo che avere un evento partecipativo in grado di integrare i prodotti del marchio può essere un punto di vendita più forte della scala pura.

Il CEO di Atlas Obscura, Warren Webster, ha dichiarato che i margini sono più alti per gli eventi di Atlas Obscura, ma le entrate sono inferiori. Stima che le entrate della sponsorizzazione siano circa la metà di quelle che sarebbero per gli eventi personalizzati di persona.

Gli eventi virtuali non richiedono gli stessi costi generali degli eventi di persona una volta, ma Eric Fleming, produttore esecutivo dell’agenzia esperienziale Makeout, ha affermato che quella parte dei budget esperienziali dei marchi deve essere riallocata in altre aree che sono più in in linea con l’organizzazione di un evento virtuale di alta qualità.

“C’è ancora un investimento necessario per creare un’esperienza virtuale raffinata”, ha detto Fleming. “Marchi ed editori dovrebbero ancora aspettarsi di investire per avere davvero un’esperienza di qualità per le persone che si sintonizzano e partecipano.”

Schiller ha affermato che lui e il suo team hanno partecipato alla programmazione di eventi virtuali pensando che “sarebbe un margine più elevato, più economico e più economico”, come è per gli editori “che organizzano eventi molto semplici, simili a pannelli”.

Invece, quello che ha detto il suo team ha scoperto che i costi degli eventi virtuali dell’azienda erano paragonabili a quelli offline.

“Non c’è stata una manna per il risparmio sui costi”, ha detto Schiller. “È quasi come se stessi producendo gli Oscar. Devi tener conto dell’eleganza della tecnologia e ottenere i momenti di integrazione del marchio in modo adeguato al servizio di guanti bianchi che promettiamo ai nostri clienti. ”

Atlas Obscura, che realizza metà delle sue entrate annuali da eventi, ha avuto un partnership esperienziale esistente con Airbnb anche questo è virtuale. Invece di inviare persone in un viaggio di $ 30 “Exploring a Secret Fort” al di fuori di Washington, DC, i partecipanti possono pagare $ 35 per imparare il controllo mentale dal mentalista e lettore mentale Vinny DePonto.

L’editore ha anche lanciato nuovi eventi virtuali personalizzati, tra cui una prima virtuale per il documentario “Spaceship Earth” per lo studio di produzione cinematografica Neon. La premiere includeva una conversazione tra i personaggi principali del documentario e moderatore LeVar Burton. Voleva replicare il pannello di post-visualizzazione che si svolge sul palco in prima persona, secondo Webster. Quell’evento ha portato a 32.000 visualizzazioni, un pubblico più volte più grande di un tipico cinema sarebbe in grado di accogliere.

Group Nine ha realizzato due eventi virtuali se venduti da quando è andato in remoto, secondo Schiller, entrambi venduti a Campbell Soup.

Il suo primo evento, chiamato Dinner Party Bingo Bash, è stato uno spettacolo di interviste che ha avuto un gioco di bingo simultaneo ospitato dallo chef e autore Daphne Oz. È stato trasmesso in streaming live sulla pagina Facebook di PopSugar. Gli spettatori sono stati invitati a cucinare insieme a una ricetta con Oz usando i prodotti a marchio Swanson di Campbell e sono stati portati sullo schermo per porre le sue domande in tutto. Quell’evento ha portato a 20.000 visualizzazioni.

Il secondo evento è stato più intimo, chiamato Soupchat Book Club. Sarah Pekkanen e Greer Hendricks ‘hanno discusso del loro nuovo libro, “You Are Not Alone”, e ai primi 100 partecipanti che RSVP aveva ricevuto copie del libro insieme a una lattina di brodo di Campbell.

Bustle ha pianificato di ospitare un ritiro yoga lungo un pomeriggio ad Austin, in Texas, questa primavera per il marchio di vitamine e integratori Nature’s Way. Dopo che non è stato possibile, Elizabeth Webbe Lunny, evp delle entrate di BDG, ha detto che il suo team ha spostato il ritiro online e ha potuto mantenere lo stesso formato e istruttore ed è stato in grado di tradurre quasi tutta la programmazione online.

Inizialmente, 120 persone dovevano partecipare all’evento con sede ad Austin, ma l’evento virtuale ha attirato 400 partecipanti. I KPI sono rimasti relativamente coerenti anche con il formato di persona, ha detto. Questi includevano il numero di partecipanti, il coinvolgimento e il modo in cui le persone si presentavano e si attivavano.

Webbe Lunny ha dichiarato che il cliente era soddisfatto del valore aggiunto derivante dall’aumento dei partecipanti e che il suo team è stato in grado di mantenere lo stesso prezzo iniziale.

Anno dopo anno, Schiller ha affermato di non aspettarsi di guadagnare così tanto quanto il business esperienziale ha contribuito nel 2019: l’azienda ha organizzato oltre 70 eventi nei suoi cinque marchi e Schiller ha affermato che il team non sta cercando di avvicinarsi a quel volume – ma una grande ragione di ciò è stata la decisione di rinviare il suo evento “pietra angolare” Play / Ground al 2021.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.