[ad_1]

I marketer B2B devono ripensare la segmentazione per soddisfare le crescenti aspettative di esperienze contestualmente rilevanti e sfruttare i molteplici progressi delle tecnologie di analisi dei dati. È giunto il momento per loro di abbracciare il concetto di microsegmentazione.

Qual è la prima cosa che fai per risolvere un puzzle? Separate i pezzi simili. Questo potrebbe essere per colore, bordi e persino dimensione del pezzo.

I marketer B2B possono imparare una o due cose da tutte le persone che riempiono le ore vuote a casa lavorando ai puzzle. (Sembra che i produttori di puzzle stiano vivendo un momento. Puzzle Warehouse, il più grande distributore di puzzle del paese, afferma che le sue vendite sono cresciute di un incredibile 2000% anno su anno.)

Qual è la lezione per gli esperti di marketing? È molto più facile raggiungere i tuoi obiettivi quando identifichi, raccogli e coinvolgi gruppi chiave simili. Pensa a tutto il puzzle come a tutto il tuo pubblico. All’interno di quel pubblico ci sono aziende (pezzi) con determinati comportamenti o tratti o caratteristiche che possono essere raggruppati per un targeting più efficace.

Naturalmente, la segmentazione non è un nuovo concetto per i marketer B2B. Gli esperti di marketing utilizzano la segmentazione per partizionare i loro database e pianificare le interazioni con il pubblico chiave. Ma i marketer B2B devono ripensare la segmentazione per soddisfare le crescenti aspettative di esperienze contestualmente rilevanti e sfruttare i molteplici progressi delle tecnologie di analisi dei dati. È giunto il momento per i marketer B2B di abbracciare il concetto di microsegmentazione.

Oltre a dividere un pubblico in base ai dati demografici, gli esperti di marketing dovrebbero indirizzare i clienti su sottocategorie come comportamento, sensibilità al prezzo e esigenze aziendali. Queste strategie possono aiutare a rafforzare le prestazioni degli sforzi in uscita, aumentare il rendimento degli sforzi in entrata e aiutarti a costruire un portafoglio di marketing ad alto rendimento.

Ammetterò prontamente che affinare i segmenti dei tuoi clienti può essere ancora più scoraggiante del più difficile puzzle del paesaggio da 1.000 pezzi. I marketer B2B hanno difficoltà a selezionare alcune delle infinite permutazioni a portata di mano. Ad esempio, il 29% dei marketer B2B ci ha detto che il collegamento di approfondimenti a segmenti specifici è un ostacolo principale all’applicazione di misure e analisi.

Per fortuna, ci sono una varietà di tecnologie di analisi dei clienti che possono rivelare modelli comportamentali e contestuali usando tecniche di apprendimento automatico.

I buoni esperti di marketing sanno già che uno scopo chiaro è fondamentale in ogni nuova impresa. I marketer B2B devono costruire segmenti con uno scopo in mente e valutare la fattibilità di ciascuno. Inoltre, è necessario mantenere gestibile il numero di segmenti. Scopriamo che la maggior parte dei marketer aziendali ha la forza lavoro e la potenza di elaborazione per gestire efficacemente da tre a otto segmenti basati sulla persona o sul comportamento.

Queste strategie di microsegmentazione sono un’ottima opportunità per coinvolgere e generare entrate dalla tua base di clienti esistente. Identificare i segnali di abbandono con analisi e fornire una sensata sensibilizzazione ti aiuterà ad approfondire le relazioni con i clienti e risparmiare sui costi.

I professionisti B2B che non stanno esercitando strategie di microsegmentazione stanno perdendo la leva più significativa a loro disposizione. La segmentazione attiva la comprensione, collegando approfondimenti per consentire messaggi ed esperienze pertinenti. La microsegmentazione potrebbe essere la strategia che ti aiuta a completare il tuo puzzle di ossessione per il cliente.

Questo post è stato scritto dal vicepresidente e principale analista Lori Wizdo e in origine è apparso Qui.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *