[ad_1]

Fino a Netflix abbandonato Indian Matchmaking, è nuovo serie TV di realtà, il termine “matrimonio combinato” invocava immagini di sposi minorenni, trascinati attraverso un villaggio in un carro di buoi. Gli amici sarebbero sembrati allarmati quando ho suggerito che i miei genitori avevano avuto un matrimonio combinato dove erano cresciuti nello Sri Lanka, chiedendosi se avrebbero dovuto fare il check-in sul benessere di mia madre. Il matrimonio organizzato, ai loro occhi, significava matrimonio forzato – dopotutto, chi avrebbe potuto scegliere di sposare qualcuno che i genitori avevano scelto per loro?

Il matchmaking indiano è affascinante, perché dimostra che molte persone farebbero esattamente questo. E questo include i millennial indiani e indiani-americani, a cui piacciono i cocktail alla moda, i ristoranti fusion e che si sono fatti strada Tinder e Bumble. Sima Auntie, “la migliore matchmaker di Mumbai” incontra i suoi clienti e i loro genitori, condivide con loro “biodata” (un tipo di CV) per coloro che ritiene possano essere una buona partita e organizza incontri tra potenziali partner.

Lo spettacolo ha una certa risonanza per me, non solo a causa del matrimonio combinato dei miei genitori. Anche ora, ho parenti dappertutto dall’America all’Australia, che hanno organizzato matrimoni attraverso una rete di siti online, “zie” e astrologi. I miei genitori e le loro famiglie si conoscevano già prima di fidanzarsi – ma una settimana dopo essersi fidanzati, hanno finito per fare il nodo.

Sembra tutto un po ‘fuori di testa – ma poi mia madre lo considerava piuttosto romantico, era eccitata al pensiero di sposare mio padre e “l’amore viene dopo il matrimonio” nella loro cultura. Se è stato sorprendente che i miei genitori fossero considerati idonei l’uno per l’altro, forse è più sorprendente che siano insieme trentacinque anni lungo la linea; mio padre è un introverso a cui non piacciono i rumori forti, mentre io e mia mamma siamo collettivamente descritti come “rumore”. È indù e lui è ateo.

In questi giorni, è molto in voga suggerire che i matrimoni combinati potrebbero effettivamente essere la strada da percorrere, il bando al tasso di divorzi crescente in Occidente. Il fatto che così tanti indiani-americani visitino Sima Auntie nei matchmaking indiani mostra che probabilmente c’è qualcosa in questo – molti di noi non hanno fortuna a trovare partner attraverso incontro casuale. Il tasso di divorzi in India, dove sono organizzati il ​​90% dei matrimoni, è dell’1% (qui il 40%), anche se questo probabilmente si riduce a aspettative diverse. Perdita di passione, argomenti o peggio verranno elaborati o scrollati di dosso – in parte perché culturalmente, il divorzio è un tabù.

Ma non credo che farei mai un matrimonio combinato – per le stesse ragioni, presumibilmente, che pochi nello show finiscono insieme e che il record-record di Indian Matchmaking, Pradhyuman, rifiuta 150 proposte. Potrebbe essere diverso se fossi cresciuto in una cultura in cui i matrimoni combinati erano la norma, ma ho fatto appuntamenti, ho sentito chimica – e non avrei mai potuto rinunciare a cercarlo per motivi di stabilità. E, proprio come Ankita, che alla fine abbandona il processo di matchmaking per la sua carriera, ho il lusso di non sentirmi troppo sotto pressione per il matrimonio – ho una moltitudine di ragazze single che hanno intenzione di vivere insieme in una grande casa, e la maggior parte dei le donne che conosco sono finanziariamente indipendenti.

Detto questo, non deriderei mai i clienti di Sima Auntie, molti dei quali vogliono sposarsi solo perché lo è “tutti gli altri”, perché conosco così tante donne occidentali single che hanno trent’anni, nel disperato tentativo di avere figli come i loro coetanei. Tutto sommato, credo solo che i matchmaker indiani abbiano fatto per anni ciò che Hinge e Bumble stanno solo imparando a fare ora – imparando di nascosto ciò che ci piace, giudicando il livello di istruzione che potrebbe corrispondere al nostro, il livello di attrattiva (convenzionale) che desideriamo e così via.

Certo, penso che sia al di là dell’orrendo che il matchmaking indiano passi spesso attraverso la casta (e il colore della pelle), come se fossero fondamentali come il genere o la personalità. Colpisce il vero e terribile problema del colorismo nella comunità indiana. Ma ancora una volta, è anche una realtà scomoda che un sacco di gente sembra uscire con il proprio panorama sociale, che è quasi una traccia del sistema di classi obsoleto della Gran Bretagna. Perché, ammettiamolo, tutti noi stiamo facendo mini giudizi ogni volta che scorriamo a sinistra oa destra, semplicemente non ci sediamo mai e pensiamo ai motivi per cui.

Forse il matchmaking indiano ci mette a disagio perché colpisce troppo vicino a casa. In molti modi, è a app di incontri venire alla luce.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.