[ad_1]

Il nuovo amministratore delegato di TikTok, Kevin Mayer, ha fatto una dichiarazione impegnandosi a rendere pubblici gli algoritmi di moderazione dei contenuti della piattaforma e sbattendo Facebook per “attacchi maligni”.

La società di proprietà cinese è stata attaccata nelle ultime settimane per presunta condivisione di dati con il governo cinese, con la Casa Bianca che sta prendendo in considerazione l’idea di vietare o supportare l’acquisizione da parte degli Stati Uniti dell’app.

Ma nel tentativo di placare queste paure, Meyer afferma che la società è “responsabile e impegnata” e segue le leggi statunitensi.

“Riteniamo che il nostro intero settore debba essere tenuto a uno standard eccezionalmente elevato. Ecco perché riteniamo che tutte le aziende dovrebbero divulgare i propri algoritmi, politiche di moderazione e flussi di dati ai regolatori” scrive.

“Non aspetteremo l’arrivo della regolamentazione, ma TikTok ha fatto il primo passo lanciando un Centro di trasparenza e responsabilità per la moderazione e le pratiche sui dati. Gli esperti possono osservare le nostre politiche di moderazione in tempo reale, nonché esaminare il codice effettivo che guida i nostri algoritmi “.

Mayer coglie anche l’occasione per colpire Facebook per quello che vede come tattiche subdole.

“A TikTok accogliamo con favore la concorrenza. Pensiamo che una concorrenza leale ci renda tutti migliori. A coloro che desiderano lanciare prodotti competitivi, diciamo di portarli avanti. Facebook sta persino lanciando un altro prodotto in copione, Reels (legato a Instagram), dopo l’altro il copione Lasso fallì rapidamente “, dice.

“Ma concentriamo le nostre energie sulla concorrenza leale e aperta al servizio dei nostri consumatori, piuttosto che sugli attacchi maligni del nostro concorrente – vale a dire Facebook – mascherati da patriottismo e progettati per porre fine alla nostra presenza negli Stati Uniti”.

Ciò a cui Mayer fa riferimento è una serie di osservazioni preparate di Mark Zuckerberg pubblicate prima dell’attuale esame della sottocommissione giudiziaria della Camera sulle questioni antitrust nel settore tecnologico.

“Crediamo nei valori – democrazia, competizione, inclusione e libera espressione – su cui si basava l’economia americana”, ha scritto Zuckerberg.

“Molte altre società tecnologiche condividono questi valori, ma non c’è alcuna garanzia che i nostri valori vinceranno. Ad esempio, la Cina sta costruendo la propria versione di Internet focalizzata su idee molto diverse e stanno esportando la loro visione in altri paesi.”

Mayer afferma che “prenderà tutte le misure necessarie per garantire la disponibilità e il successo a lungo termine di TikTok”. E, secondo Reuters, la società madre ByteDance sta prendendo in considerazione un accordo da $ 50 miliardi con alcuni dei suoi investitori che darebbe loro una quota di maggioranza nell’app. Si ritiene inoltre che stia cercando di creare una nuova holding per TikTok negli Stati Uniti.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *