[ad_1]

Dopo annullamento tutti gli eventi dovuti al coronavirus pandemia a marzo, Berghain ha riaperto, ma non come lo sai. Cioè, l’iconico Berlino il club continua a non soddisfare la sua solita folla in discoteca, ma ospita invece una nuova installazione di sound art, Undici canzoni – Hall at Berghain.

Un paesaggio sonoro surreale che incorpora rumori della città, mormorii e pale dell’elicottero, Undici canzoni – Hall at Berghain (immaginato dal duo Tamtam: Sam Auinger e Hannes Strobl) è ospitato all’interno e progettato appositamente per la cavernosa Kessel Hall di Berghain.

“Ascolti, esperienza, puoi chiudere gli occhi o lasciarli aperti e seguire il suono attraverso la stanza”, afferma Carsten Seiffarth, curatore con sede a Berlino e direttore della galleria d’arte del suono Singuhr. “Si tratta anche di avere un’esperienza con questa stanza e provare emozioni che vanno oltre il semplice ascolto”.

Per rispettare le linee guida sul distanziamento sociale, alla mostra sono ammesse solo 50 persone alla volta (anche se, fortunatamente, i visitatori non devono preoccuparsi di essere ammessi all’interno, poiché non c’è un portiere). Non sorprende che ci siano già code per entrare.

Undici canzoni – Hall at Berghain rimarrà al superclub fino al 2 agosto.



[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.