[ad_1]

Dopo le richieste di Donald Trump per la riforma del modo in cui i contenuti dei social media sono moderati, la National Telecommunications and Information Agency (NTIA), parte del Dipartimento del Commercio, ha fatto i primi passi per realizzarlo.

L’NTIA ha presentato una richiesta formale petizione alla Commissione Federale per le Comunicazioni (FCC), chiedendole di emanare regole su quando le piattaforme Internet sono responsabili per i contenuti degli utenti pubblicati sui loro siti.

La mossa deriva da un ordine esecutivo firmato da Trump a maggio, dopo che Twitter ha avvertito gli utenti di controllare le sue dichiarazioni sostenendo che si trattava di frodi di massa nelle votazioni per corrispondenza. Si concentra sulla Sezione 230 del Communications Decency Act, che protegge le società di social media dalla responsabilità per i contenuti pubblicati dai loro utenti e consente loro di rimuovere post offensivi o imprecisi.

La petizione richiede che le piattaforme dimostrino che la regolamentazione dei contenuti è stata condotta “in buona fede” e che è politicamente neutrale. Chiede alla FCC di decidere in che modo la sezione 230 tratta le decisioni in merito alla moderazione dei contenuti e di chiarire quando le piattaforme hanno diritto alla protezione.

La petizione è stata accolta dal commissario FCC Brendan Carr.

“Il governo federale non ha praticamente fornito alcuna guida su come interpretare oggi il set unico e condizionale di privilegi legali conferiti dal Congresso alle società di social media”, ha dice.

“La petizione della Sezione 230 offre l’opportunità di apportare la necessaria chiarezza al testo statutario. E ci consente di andare avanti in un modo che consentirà ai relatori di impegnarsi in” un forum per una vera diversità del discorso politico “, come il Congresso previsto quando ha superato la sezione 230. ”

Tuttavia, molti – tra cui il collega commissario di Carr Jessica Rosenworcel – nutrono profonde preoccupazioni.

“Il primo emendamento non è presente per proteggere il presidente dai media. È presente per proteggere i media dal presidente” dice.

“Negli Stati Uniti siamo una società aperta e democratica in cui le persone possono rendere responsabile il proprio governo, anche se in modo imperfetto. Il fatto che possiamo mantenerlo in questo modo dipende dalla sopravvivenza di uno spazio digitale robusto e indipendente per l’attivismo e il discorso pubblico. Questi gli spazi prosperano solo se diciamo di no all’invito del Presidente a rendere le nostre reti meno aperte e più chiuse al dibattito civico “.

E alcuni, come il gruppo di campagna TechFreedom, sostengono che gli obiettivi della petizione sono incostituzionali.

“La petizione è uno spreco monumentale del tempo della FCC: confonde sia l’interpretazione legale che la legge costituzionale”, afferma il consigliere generale James Dunstan.

“Non c’è modo per la FCC, la FTC o qualsiasi tribunale di decidere cosa costituisca la moderazione del contenuto in” buona fede “, perché richiederebbe al governo di esaminare il contenuto del discorso su Internet, che il Primo Emendamento chiaramente vieta”



[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *