[ad_1]

All’inizio di aprile, la startup del registro delle nozze Zola ha ritirato le sue pubblicità dalle piattaforme di streaming e dalla televisione. Ciò è risultato per necessità in quanto l’avvio è stato uno dei numero di imprese del settore del matrimonio che ha dovuto riconfigurare il suo approccio alla pubblicità con le coppie costrette a ripianificare o riconfigurare i loro matrimoni estivi a causa della pandemia di coronavirus.

Nelle ultime settimane, Zola, che consente anche alle coppie di creare siti Web personalizzati per matrimoni, è tornata con nuovi annunci che hanno implicito piuttosto che esplicito riferimento alla pandemia su piattaforme di streaming come Hulu e reti come NBC, CBS, TLC e Freeform. I nuovi annunci accennano al momento attuale, poiché la pianificazione del matrimonio sta spesso accadendo a casa adesso, così come la necessità di essere in grado di adattare continuamente i piani del matrimonio qualora le coppie dovessero farlo.

Il ritorno della startup in televisione è un segnale che l’industria del matrimonio maltrattata sta iniziando a vedere segni di vita.

“Di recente abbiamo notato un cambiamento significativo in cui le coppie si sentono molto più sicure e a proprio agio nella pianificazione”, ha dichiarato Mike Chi, Chief Marketing Officer di Zola. “La maggior parte delle coppie con date in estate si stanno muovendo in avanti almeno con la loro cerimonia, e i matrimoni complessivi stanno iniziando a riprendere”.

Tutto sommato, le pubblicità di Zola non erano in esecuzione su piattaforme di streaming o in TV da aprile a giugno. In genere, dal 25% al ​​40% del budget dei media di Zola è destinato allo streaming e alla TV. Nel 2019, secondo Kantar, Zola ha speso circa 14,9 milioni di dollari in media, che non tiene traccia della spesa pubblicitaria sui social.

La startup non è ancora tornata allo streaming e alla TV con quel livello di spesa; attualmente spende all’incirca un quarto di ciò che normalmente sarebbe durante la stagione delle nozze in pubblicità (la compagnia ha rifiutato di condividere quanto sarebbe).

“C’è un passaggio alla co-visione in cui le persone trasmettono in streaming insieme [because of coronavirus]”, Ha detto Chi del cambiamento del comportamento delle coppie che ha aiutato l’azienda a decidere di tornare in streaming e in TV.

Chi ha continuato: “I decisori finali si stanno sintonizzando con gli altri membri della famiglia o il partner con cui sono messi in quarantena, il che è estremamente rilevante per un’azienda di matrimoni. Ciò significa che esiste un ciclo più immediato tra la visualizzazione e l’acquisto o l’iscrizione a un servizio. Ciò significa anche che i programmi hanno una demografia più ampia rispetto a prima. ”

I nuovi annunci sono pensati per attrarre il pubblico più vasto. Mostrano alle coppie che è facile pianificare un matrimonio virtualmente, anche dal tuo divano e che è possibile inviare rapidamente schede di “modifica della data” se il matrimonio deve essere posticipato per qualche motivo.

Detto questo, le pubblicità in streaming e TV possono andare così lontano per Zola. “Ci stiamo appoggiando alle nostre coppie per farci sapere quando sono pronti a pianificare, e quindi la maggior parte della nostra spesa è focalizzata sui canali” hand raiser “come la ricerca in cui le coppie stanno attivamente pianificando”, ha detto Chi. “Per questo motivo la quantità della nostra assegnazione alla TV è in calo.”

Con la ricerca, Zola sta sperimentando nuovi termini di ricerca come “micro-matrimonio” e “matrimonio virtuale” per raccogliere traffico da coppie che stanno ancora pianificando o iniziando a pianificare matrimoni.

Mentre alcuni stati tornano in blocco a causa del coronavirus, Zola potrebbe ancora modificare il suo approccio alla pubblicità per affrontarlo.

“La nostra strategia si basa sempre sull’incontro delle coppie dove si trovano”, ha detto Chi. “Non possiamo prevedere cosa accadrà con la pandemia, ma qualunque cosa continueremo a offrire servizi flessibili per le nostre coppie”.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *