[ad_1]

Apple il mese scorso ha annunciato due importanti cambiamenti nella privacy che hanno sconvolto il settore della pubblicità mobile.

Entro la fine dell’anno, gli sviluppatori dovranno includere informazioni in una cosiddetta “etichetta nutrizionale” su come le loro app raccolgono i dati nella pagina di descrizione dell’app. Tali sviluppatori sono inoltre tenuti a chiedere agli utenti l’autorizzazione a rintracciarli su siti Web di terze parti e altre app, utilizzando l’identificatore per gli inserzionisti, noto come IDFA. Gli esperti prevedono che i tassi di attivazione saranno bassi, ostacolando il targeting e la misurazione del pubblico.

Le modifiche entreranno in vigore con il rilascio di iOS 14, previsto per metà settembre. Tuttavia ci sono ancora molte domande senza risposta su come funzioneranno nella pratica le modifiche dell’IDFA.

“Esistono importanti aree grigie che possono essere interpretate e richiedono chiarimenti da parte di Apple”, ha affermato Matt Barash, svp di strategia e sviluppo commerciale presso la società di pubblicità mobile AdColony.

Di seguito sono riportate sei domande che rimangono poco chiare per gli inserzionisti. Apple ha rifiutato di commentare il record.

In che modo Apple farà la polizia e farà rispettare queste regole se gli sviluppatori o i fornitori di tecnologia pubblicitaria tentano di aggirarle?

Non è ancora del tutto chiaro come Apple rileverà e bloccherà le aziende che tentano di creare soluzioni alternative una volta che iOS 14 entra in gioco.

Eric Seufert, consulente strategico di Heracles Media, ha dichiarato che Apple ha “lanciato un pallone di prova” l’anno scorso quando ha annunciato che le app per bambini non dovrebbero più utilizzare software di analisi e pubblicità di terze parti – a parte in alcuni casi limitati, purché informazioni identificabili personalmente ( incluso l’IDFA) non è stato inviato a terzi. Le regole sono entrate in vigore all’inizio di quest’anno.

Apple ha avviato gli aggiornamenti delle app di rifiuto “carta bianca” per quegli sviluppatori trovati in violazione, ha affermato Seufert.

Quanto lontano può arrivare il targeting contestuale?

Alcune società di tecnologia pubblicitaria mobile hanno ipotizzato che le modifiche IDFA potrebbero segnare un passaggio dal targeting per pubblico basato sui dati degli utenti a un targeting più contestuale.

“Questo non è come il tipo di targeting contestuale a cui la gente pensa dal desktop nel 2014″, ha dichiarato Offer Yehudai, presidente della piattaforma di monetizzazione delle app Fyber. Piuttosto si tratta di “cosa possiamo dire in modo consapevole della privacy riguardo al [app session] in tempo reale per poi passare informazioni per il [demand-side platform] usare.”

Gli esempi includono da quanto tempo l’utente utilizza l’app, se il dispositivo ha abbastanza batteria per scaricare un’app e se l’audio è acceso o spento, ha detto Yehudai.

Tuttavia non è chiaro se saranno ammessi parametri contestuali nel flusso di offerte, anche se non presentano dettagli immediati sull’utente specifico.

Le informazioni contestuali potrebbero ancora essere considerate come potenzialmente in grado di dispositivo “fingerprinting, “Che è improbabile che si riunisca con Apple. La società ha represso impronte digitali del browser in Safari nel 2018.

SKAdnetwork si espanderà nel tempo?

La SKAdnetwork proprietaria di Apple è un’interfaccia di programmazione dell’applicazione di base che consente a una rete pubblicitaria di sapere se le proprie campagne pubblicitarie portano a un’installazione di app o ad altri eventi limitati di “postback” dopo l’installazione dell’app. I report sono aggregati e non consegnati in tempo reale.

Paul H. Müller, CTO e co-fondatore della società di misurazione mobile Adjust, descrive SKAdnetwork come “immondizia completa”.

“Si concentra su metriche che non valgono nulla per le persone, come i download, e non offre granularità nemmeno da remoto per eseguire campagne”, ha affermato Müller. I dati “ID campagna” è inoltre limitato a 100 valori, che non tiene conto dell’ottimizzazione: una tipica campagna tende a eseguire migliaia di creatività diverse, ha aggiunto Müller, su misura per diverse geolocalizzazione e test A / B, ad esempio.

Alcuni esperti del settore non sono convinti che ci sarà molto SKAdnetwork 2.0.

“Abbassa le tue ambizioni per l’attribuzione precisa”, ha dichiarato Kevin Joyner, direttore della pianificazione e approfondimento presso l’agenzia di marketing digitale Croud. “È tempo di andare avanti, non migliorerà. Dovremmo cercare in altri posti. “

Che cos’è comunque una “rete pubblicitaria”?

La rete pubblicitaria è diventata un termine molto diffamato nel settore della tecnologia pubblicitaria, quindi c’è un pizzico di ironia sul fatto che l’accesso a SKAdnetwork sia limitato a reti pubblicitarie, app di origine e app pubblicizzate.

Chiunque lavori nella pubblicità digitale sa che di solito ci sono più di tre partecipanti: un DSP, un ad server dell’inserzionista, un ad server del publisher e una piattaforma dal lato dell’offerta vengono solitamente aggiunti a tale elenco almeno. Tuttavia, esiste un solo ID limitato a chiunque sia registrato come “rete pubblicitaria”.

Apple definisce le reti pubblicitarie come entità che “firmano annunci e ricevono notifiche di installazione quando gli annunci generano conversioni”, secondo la sua documentazione per gli sviluppatori.

“La definizione semplifica eccessivamente il settore in modo tale da avere il potenziale per creare vincitori e vinti semplicemente ignorando il modo in cui funziona l’ecosistema”, ha affermato Alex Cone, direttore senior della gestione dei prodotti presso IAB Tech Lab.

Formulazione su Apple sito dello sviluppatore dice che se gli utenti rinunciano al tracciamento, gli sviluppatori non possono inserire un kit di sviluppo software di terze parti nella loro app che combina i dati dell’utente della loro app con i dati delle app di altri sviluppatori per “indirizzare la pubblicità o misurare l’efficienza della pubblicità, anche se non si” utilizzare l’SDK per questi scopi. ”

Il retargeting è possibile?

Se gli utenti decidono di non condividere il proprio IDFA con fornitori di terze parti, il retargeting diventa un problema e anche tecniche come il limite di frequenza e i controlli relativi alla recency.

Per il sito degli sviluppatori Apple se un utente rinuncia al monitoraggio, gli sviluppatori non possono condividere un elenco di e-mail, ID pubblicità o altri ID con una terza parte che utilizza tali informazioni per effettuare il retarget di quegli utenti nelle app di altri sviluppatori.

Una possibile alternativa potrebbe essere se un utente ha fornito informazioni di accesso, come il proprio indirizzo e-mail, e ha concordato che possono essere utilizzate a scopi pubblicitari. Ma non è del tutto chiaro se ciò accadrà con Apple o se l’utente ha rinunciato a condividere il proprio IDFA e quindi viene chiaramente preso di mira sul proprio telefono utilizzando una qualche forma di identificatore personale.

Le modifiche sono conformi al GDPR?

Il 2 luglio, 16 associazioni pubblicitarie ed editoriali hanno co-firmato una lettera al CEO di Apple Tim Cook in cui affermano che il pop-up IDFA non è conforme al GDPR. I gruppi commerciali hanno affermato che il pop-up non è (almeno in questa fase) “ampiamente personalizzabile dallo sviluppatore dell’app e non è interoperabile con gli standard del mercato della pubblicità digitale”, come il quadro di trasparenza e consenso di IAB Europe.

Un portavoce di IAB Europe, a nome dei firmatari, ha dichiarato che Apple non ha risposto o riconosciuto la loro lettera.

“Il silenzio può essere percepito come un segnale e un esempio di come Apple abbia adottato unilateralmente una decisione senza alcun rispetto per i propri partner ed ecosistemi”, ha detto il portavoce. “Se non avremo ancora una risposta, la prossima settimana cercheremo di inoltrarla alle autorità locali ed europee”.

(Digiday ha precedentemente riferito che un esperto di legge sulla privacy – Wayne Matus, co-fondatore e consigliere generale di SafeGuard Privacy – ha scoperto la decisione di Apple di creare un’esperienza uniforme per il consumatore non essere in violazione del GDPR.)

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *