[ad_1]

Quando suggerì per la prima volta il segretario di Stato Mike Pompeo gli Stati Uniti potrebbero vietare TikTok, si è rivelato opportunistico. Apple aveva appena preso l’app accesso agli appunti e L’India l’aveva appena vietato– insieme ad altri dalla Cina. All’epoca nessuno si aspettava che gli Stati Uniti vietassero un’app utilizzata da decine di milioni di cittadini. Due settimane dopo, e questo è esattamente ciò che molti pensano che potrebbe accadere.

Quel che è peggio per TikTok, è che le accuse difendibili di rischi informatici e la riservatezza dei dati hanno lasciato il posto all’accusa immateriale di influenza e controllo cinesi. Se vuoi sapere quanto è facile difendersi quello tipo di carica, basta chiedere a Huawei. L’incubo per TikTok è che proprio come un divieto è diventato una minaccia più grave del previsto, è diventato anche più pratico attraverso l’approccio dell’elenco delle entità e impossibile per l’azienda fare molto.

Ciò non comprometterebbe la libertà dei media. Ciò limiterebbe semplicemente l’accesso di TikTok al software e ai servizi statunitensi. Se TikTok non è disponibile negli app store, se non può essere aggiornato, come raggiunge i suoi utenti? È la prospettiva di aggiungere TikTok a un elenco di entità del dipartimento del commercio che ha reso un “divieto” più realistico. Secondo il Financial Times, tale decisione potrebbe arrivare entro il mese successivo e “invierebbe un messaggio molto forte alla Cina”.

È questo tipo di restrizione che ha devastato le vendite di Huawei di nuovi smartphone al di fuori della Cina. L’elenco delle entità statunitensi ha negato a quei telefoni l’accesso al software e ai servizi di Google, quindi i consumatori sono rimasti lontani. I telefoni venduti bene in Cina, dove Google è vietato, ma non altrove. Le ultime sanzioni statunitensi contro Huawei hanno anche negato all’azienda l’accesso ai chip chiave ed è stato questo, con il suo impatto sulla sicurezza, a spingere il Regno Unito a vietare Huawei dalla sua rete 5G.

L’avvertimento di Pompeo agli americani, secondo cui dovresti usare TikTok “solo se vuoi le tue informazioni private nelle mani del Partito Comunista Cinese”, ha un tono simile alla campagna contro Huawei e da allora è stato ripreso da Consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien, consigliere Peter Navarro e il presidente stesso. La campagna presidenziale di Trump è pari esecuzione di annunci di Facebook promuovere un divieto: “TikTok è stato colto in flagrante monitorando ciò che è negli Appunti del tuo telefono: firma subito la petizione per vietare TikTok.”

ALTRO DALLE FORBEWarning-Apple cattura improvvisamente TikTok segretamente spiando milioni di utenti iPhone

TikTok non è in realtà un rischio per la sicurezza nazionale, almeno non in questo momento. Sì, ha avuto il suo problemi con la privacy dei dati e la sicurezza informaticae, sì, è un’app cinese che raccoglie molti dati su cittadini statunitensi ed europei. Ma tutti i social media fanno lo stesso, e le potenze straniere hanno dimostrato di non aver bisogno di guardare oltre Facebook o Twitter per cercare di disinformare e influenzare.

Quando io segnalati il problema degli Appunti di Apple iOS 14, TikTok è stato veloce nell’offrire una difesa: si trattava di un filtro antispam e sarebbe stato chiuso. Allo stesso modo, quando ho chiesto delle accuse che stava inviando i dati dei cittadini statunitensi in Cina, mi è stato detto che la società ha un CEO degli Stati Uniti e CISO, un consiglio dei pesi massimi, memorizza i suoi dati al di fuori della Cina e non fornirebbe dati personali alla Cina, anche se chiesto.

Ma TikTok è di proprietà di ByteDance e ByteDance è un’entità cinese con un CEO cinese e un’app gemella cinese per TikTok è uno strumento di sorveglianza conforme allo stato. E così ho chiesto a TikTok, dato che la Cina ha vietato le piattaforme di social media statunitensi come Facebook e Twitter, negando l’accesso ai suoi cittadini, perché gli Stati Uniti non dovrebbero fare lo stesso con una piattaforma di proprietà cinese? ”

Devo ancora ricevere una risposta.

E questo è il problema di TikTok. Può implementare tutti i protocolli occidentali di sicurezza e protezione dei dati che trova, ma non può mascherarne la provenienza. E mentre potrebbe essere vero che Pechino non ha mai analizzato i dati raccolti da TikTok per gli individui o studiato le tendenze demografiche, ciò non vuol dire che non lo farà. E se il Ministero della Sicurezza dello Stato viene a chiamare, molti credono ByteDance non avrà altra scelta che aderire.

Tutto ciò è emerso quando TikTok si ritirò da Hong Kong dopo l’entrata in vigore della nuova legge sulla sicurezza nazionale del territorio. La decisione di TikTok è stata mescolata con altri giganti dei social media – Facebook, Twitter, Google – cambiando le loro operazioni locali in segno di protesta. Ma le ragioni di TikTok erano molto diverso: non poteva rifiutare di conformarsi alla nuova legge come potrebbero fare gli altri, non avrebbe altra scelta che fornire dati e dettagli. Meglio chiudere a livello locale che subire il colpo reputazionale.

ALTRO DALLE FORBETikTok “Sta ottenendo il riconoscimento facciale” per la Cina, Trump Official avverte gli americani

Vi sono forti parallelismi nelle accuse statunitensi contro Huawei e TikTok, sebbene le due società operino in sfere completamente diverse. In entrambi i casi, le accuse di sicurezza di base non sono comprovate, basandosi invece su un’interpretazione dell’influenza e del controllo di Pechino sul suo settore tecnologico nazionale. È meno un caso di trovare una pistola fumante, e più un caso di “sosteniamo che possono farlo se vogliono”.

In risposta a tali affermazioni, TikTok afferma che “non abbiamo priorità più alta rispetto alla promozione di un’esperienza di app sicura e protetta per i nostri utenti. Non abbiamo mai fornito i dati degli utenti al governo cinese, né lo faremmo se richiesto. “Huawei ha detto quasi esattamente lo stesso quando gli è stato chiesto, sebbene, proprio come TikTok, sono state avanzate accuse secondo cui il gigante della tecnologia ha fatto esattamente questo.

TikTok ha fatto tutto il possibile per proteggere dalle accuse ora respinte dall’amministrazione americana. In realtà, c’è poco altro che può fare mentre è di proprietà cinese. E così si parla ByteDance trasferisce TikTok in una qualche forma di struttura aziendale americana, sebbene vi siano serie considerazioni tecniche che entrerebbero in gioco dato il codice e l’ingegneria dell’azienda.

Sarà difficile per l’amministrazione Trump semplicemente arretrare ora, senza agire o introdurre alcune sanzioni contro TikTok. Una tale mossa, dice, potrebbe arrivare “entro poche settimane. ”E, a differenza di Huawei, che gestisce un’attività di consumo molto limitata negli Stati Uniti, ciò potrebbe rivelarsi una mossa estremamente impopolare. Fortunatamente per Trump e la sua amministrazione, Facebook è a portata di mano con un’implementazione accelerata dei rulli statunitensi, per ammorbidire il colpo dell’utente e facilitare la politica.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.