[ad_1]

Imprese, imprese, governi e lavoratori stanno esplorando nuovi metodi per rimanere operativi in ​​mezzo alla pandemia di COVID-19. Bloccaggi a livello nazionale, ordini di domicilio, chiusure delle frontiere e altre misure di salvaguardia per contenere il virus hanno reso l’ambiente di lavoro più complesso che mai. Le aziende si affidano a soluzioni tecnologiche basate sull’intelligenza artificiale (AI) e sui dati per formulare processi di lavoro che possano funzionare in modo efficiente nella nuova normalità. Allo stesso tempo, le autorità governative e le forze dell’ordine dipendono dalle tecnologie di tracciamento dei contatti per preservare la sicurezza pubblica mentre combattono contro il virus mortale.

Alcune autorità hanno utilizzato telecamere con funzionalità di riconoscimento facciale per identificare e tracciare le persone che viaggiano da un’area interessata. Allo stesso modo, la polizia in Spagna ha implementato la tecnologia per imporre ordini di soggiorno a casa con un uso intelligente dei droni per il pattugliamento e la trasmissione di informazioni importanti al pubblico. Negli aeroporti di Hong Kong, le persone che viaggiano da diverse regioni del mondo sono tenute a indossare braccialetti di monitoraggio che tracciano i loro giorni di quarantena e avvisano le rispettive autorità ogni volta che escono di casa. Allo stesso modo, una società di sorveglianza negli Stati Uniti ha realizzato telecamere termiche abilitate all’intelligenza artificiale in grado di rilevare le febbri. Nel frattempo, negli aeroporti thailandesi, gli agenti di frontiera stanno già effettuando prove su un sistema di schermi biometrici con l’aiuto di telecamere per rilevare la febbre.

Tali approcci basati sui dati, se utilizzati in modo improprio, possono sollevare preoccupazioni in materia di diritti umani, sabotando la fiducia delle persone nel loro governo.

In un momento di crisi, dovremmo seguire questa tecnologia con estrema cautela, utilizzandola solo a capacità limitata con una corretta supervisione. Bruce Schneier, un noto crittografo e professionista americano della sicurezza informatica, ha osservato, “i dati sono il problema dell’inquinamento nell’era dell’informazione e la protezione della privacy è la sfida ambientale”.

Come garantire che utilizziamo l’IA e i dati in modo responsabile al tempo della pandemia e della crisi

Valutare le pratiche attuali sull’etica dei dati e creare nuovi

Il più delle volte, le aziende costituiscono le loro pratiche di governance dei dati che gettano le basi per la gestione dei dati e il controllo di qualità. Al momento, molte organizzazioni stanno creando nuovi dati e principi tecnologici che li aiutano a funzionare nel mutevole ecosistema aziendale salvaguardando i dati riservati di tutte le parti interessate. Le aziende che non hanno una serie concreta di linee guida rischiano di gestire in modo errato i dati e di violare la privacy.

Le aziende devono iniziare a definire linee guida sull’utilizzo dei dati trasparenti e chiare, contribuendo a costruire una reputazione affidabile tra dipendenti, partner commerciali, clienti e altre parti interessate. Inoltre, le aziende dovrebbero assicurarsi che queste linee guida e politiche siano applicabili sia ai servizi di sviluppo interni sia ai servizi di sviluppo esterni.

Con l’IA e i dati utilizzati in abbondanza, è essenziale adottare principi etici con una pianificazione adeguata. Quando si inquadrano le politiche senza capire tutti i risultati delle soluzioni basate sull’intelligenza artificiale, ci sarà un divario tra la pratica e le politiche. Pertanto, prima di implementare l’IA nel sistema aziendale o nella soluzione del cliente, è necessario valutare le politiche esistenti e aggiungere politiche pertinenti sull’uso e l’effetto dell’IA e dei dati.

Limitare l’uso dei dati raccolti per altri scopi

I governi e le società che raccolgono dati COVID-19 per contenere la diffusione devono garantire che gli stessi dati non vengano utilizzati per altri scopi. Dovrebbe essere inteso solo per motivi di salute pubblica e le organizzazioni dovrebbero includerlo come principio AI obbligatorio nelle loro politiche.

Gestione strategica di AI e dati

Non sarebbe la migliore strategia per investire in tutte le soluzioni di IA e dati solo come risposta alla pandemia. Invece, le aziende devono prendere decisioni calcolate sull’acquisto e l’implementazione solo delle soluzioni di cui hanno bisogno e la raccolta dei dati rilevanti. Non vi è dubbio che le applicazioni avanzate dell’IA siano convincenti, ma le aziende non dovrebbero tentare di implementarle a costo di usabilità e affidabilità.

Le aziende dovrebbero allo stesso modo dare la priorità alle applicazioni con risultati a lungo termine piuttosto che a quelli con vantaggi a breve termine. Un approccio strategico nell’implementazione di nuove soluzioni tecnologiche basate sull’intelligenza artificiale ti aiuterà a comprendere meglio i problemi di protezione dei dati e privacy. Alla fine, ci sarà una migliore esecuzione con maggiore trasparenza e chiarezza sull’uso responsabile dell’IA e dei dati all’interno dell’organizzazione.

Collaborare a progetti di AI globali

Per combattere questa pandemia globale, le autorità governative e le forze dell’ordine di diverse parti del mondo devono collaborare tra loro. Ciò può essere ottenuto se le comunità e le società condividono i dati con trasparenza, aderiscono alle reciproche politiche di utilizzo e li usano in modo responsabile per il bene della società.

Esame degli accordi con i fornitori

Le aziende devono esaminare i loro accordi con i fornitori per capire come vengono utilizzati i dati e la tecnologia e se viola le pratiche etiche della tua azienda. Devi chiedere informazioni sulle loro politiche di sviluppo, pratiche, protezione dei dati e linee guida sulla privacy. Questo ti aiuterà a spiegare i termini e a chiedere le modifiche negli accordi di conseguenza.

Mantenere anonimi i dati pubblici non è abbastanza

È diventato essenziale rintracciare le persone per frenare la diffusione di COVID-19. Il Regno Unito, l’Italia, l’Austria e il Belgio stanno già studiando il movimento di persone da un luogo a un altro come gruppi. È stato fatto mantenendo i dati anonimi. Ma come ha affermato la dott.ssa Dawn Song, professore all’Università di Berkeley, CEO e fondatore di Oasis Labs, nel suo keynote al Vertice sui dati responsabili, un evento tenutosi a luglio 2020 con partecipanti tra cui vincitori del premio Turing, leader del settore Fortune 500 e altri leader e sostenitori della privacy, “l’utilizzo dell’anonimizzazione non protegge adeguatamente la privacy degli utenti”. Ha sostenuto che, ad esempio, è possibile estrarre informazioni su individui specifici da un set di dati anonimi sulla posizione del telefono cellulare. Pertanto, le aziende dovrebbero invece investire in tecniche avanzate di privacy come il calcolo sicuro e la privacy differenziale per garantire che i dati identificati rimangano anonimi e privati.

L’intelligenza artificiale è uno strumento potente: uno che può ridefinire la nostra cultura, rovesciare governi oppressivi e, in questo caso, aiutare il mondo ad affrontare una pandemia. È diventato ancora più importante che mai capire quanto possa essere pericolosa l’IA quando viene usata in modo irresponsabile. Pertanto, al fine di garantire un uso corretto e responsabile dei dati e dell’intelligenza artificiale, dobbiamo prima definire chiaramente i diritti digitali fondamentali degli individui, i principi da seguire come società e le leggi che dobbiamo applicare come raccolta di nazioni.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.