[ad_1]

In un anno normale, il team di moda di GQ trascorre gennaio e giugno nell’odissea che fa il giro del mondo e che lascia a bocca aperta la settimana della moda maschile. Quest’anno, ovviamente, non è niente di normale. Le settimane della moda di giugno sono state organizzate per luglio e (per la maggior parte) sono anche diventati tutti digitali con Virgil Abloh si diletta nell’animazione per il suo spettacolo Louis Vuitton, e Jonathan Anderson abbraccia tutto furbo a Loewe. Un grande cambiamento, ovviamente, è l’assoluta assenza dello street style: se non ci sono spettacoli di persona, non ci sono possibilità di flettersi sulla strada per e dagli spettacoli.

O almeno così penseresti! La nostra squadra di moda non lascerà che la digitalizzazione della settimana della moda ostacoli il modo di vestirsi come campioni. Certo, stiamo sostituendo i blazer a doppio petto per un po ‘di tie-dye, ma le vibrazioni rimangono forti. Ecco cosa indossano i redattori di moda di GQ per dare un’occhiata alla settimana della moda digitale.

[ad_2]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.