[ad_1]

Matrimoni reali sono sempre stati uno spettacolo osservato a livello globale e legittimamente. Una coppia di alto profilo, grandi budget, straordinari elenchi di ospiti, tradizione e – ovviamente – un abito che è stato combattuto con entusiasmo da quasi tutti i designer del mondo; è la ricetta perfetta per l’enorme numero di noi che ama un po ‘di romanticismo ed evasione estetica.

Ma mentre i matrimoni reali più recenti hanno visto artisti del calibro di Duchessa di Cambridge, Meghan Markle e Principessa Eugenia guardare a designer di alto profilo Sarah Burton, Clare Waight Keller e Peter Pilotto rispettivamente per progettare i loro tanto attesi abiti da sposa, questo fine settimana la principessa Beatrice ha optato per un viale completamente diverso.

Piuttosto che avere un pezzo realizzato da uno dei tanti grandi designer senza dubbio in offerta, Beatrice sposò Edoardo Mapelli Mozzi indossa un abito di seconda mano.

Fare un’epopea eco dichiarazione, ha optato per un bellissimo abito vintage che è stato originariamente progettato da Norman Hartnell per sua nonna, la regina, da indossare al premier del 1962 di Lawrence d’Arabia all’Odeon in Leicester Square.

Victoria Prew, fondatrice della piattaforma di noleggio Collettivo HURR, ha detto della mossa: “La scelta dell’abito da sposa della principessa Beatrice segna un punto nelle iconiche scelte di moda della Famiglia Reale, facendo passi verso un consumo consapevole anche in un giorno così importante”.

Realizzata in taffettà Peau De Soie con bordi in raso Duchessa color avorio e decorazioni diamantate, Beatrice ha apportato piccole ma significative modifiche al vestito per assicurarsi che si sentisse appropriato per se stesso mantenendo il sentimentalismo dell’iconico abito.

Ecco le principali lezioni della principessa Beatrice sull’upcycling:

1. MODERNIZZARE LA MANICA

Con una mossa elegante, moderna e modesta, la principessa Beatrice aveva l’organza maniche a sbuffo aggiunto al vestito dove prima c’erano solo spalline. Assicurandosi che si sentissero in armonia con il resto dell’abito, abbellimento di diamanti dal corpetto è stato aggiunto al bordo delle maniche per una piena sinergia.

2. REGOLARE IL COLLEGAMENTO

Dove una volta c’era un orlo a palloncino, Beatrice rimosse le sottogonne e rifilò e raddrizzò il bordo del vestito per una finitura più pulita. Ha anche aggiunto un pannello in raso profondo sull’orlo per un accento chic e strutturale.

3. TIARA DELLA REGINA NASCOSTA (duh)

Se tua nonna è la regina, è ovvio che sarebbe un bel tocco aggiornare il tuo look con la sua tiara più preziosa. Beatrice ha accessoriato il suo abito da sposa con la tiara con frange diamantate Queen Mary, che la regina indossava il giorno delle nozze reali.

Non hai un epico abito da cimelio di famiglia reale da modificare?

Non aver paura. Ecco qui Collettivo HURRI consigli degli esperti di Victoria su come puoi fare una dichiarazione di tendenza e fare acquisti in modo più sostenibile per il tuo abito da sposa …

  1. Sii mirato nella tua ricerca: prova a trovare i migliori venditori vintage online, a partire da Etsy o 1stdibs.
  2. Sii di larghe vedute: L’etichetta del designer non è importante quanto la tua connessione con l’abito: cerca di non concentrarti troppo sul designer, ci sono opzioni incredibili là fuori senza le etichette.
  3. Diverse occasioni: Un abito da sposa vintage non è limitato al giorno di. Prendi in considerazione un abito vintage per la cena di prova, una versione più corta per l’after party o uno speciale pezzo unico per la tua luna di miele.
  4. Pianifica in anticipo: Assicurati che ci sia abbastanza tempo per modificare il tuo pezzo perfetto. Prendi l’abito, poi alteralo alla perfezione.
  5. Cerca accessori: Il vintage è ottimo anche per corone e orecchini. Passare al vintage significa che puoi garantire che la tua scelta sarà “senza tempo” piuttosto che “alla moda” – è la tua giornata, quindi fai una dichiarazione.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *