[ad_1]

L’intelligenza artificiale è uno strumento utilizzato da persone di tutto il mondo per autorizzare gli esseri umani a prendere decisioni informate. Con un uso responsabile dell’intelligenza artificiale, gli esseri umani sono in grado di risolvere i problemi più rapidamente perché l’intelligenza artificiale può elaborare più informazioni alla volta di una lattina umana.

Man mano che i cambiamenti climatici, la sostenibilità e la responsabilità sociale delle imprese diventano sempre più importanti per i marchi di tutto il mondo, i professionisti delle imprese e delle comunicazioni dovrebbero tenere d’occhio il modo in cui le tecnologie emergenti, come l’IA, vengono utilizzate per risolvere i problemi del mondo reale.

Alcuni dei problemi che l’IA sta risolvendo oggi sono usciti dai film di fantascienza. Riconoscimento dei rifiuti, spazzatura spaziale e sostenibilità sono alcune delle sfide che l’intelligenza artificiale sta aiutando l’umanità ad affrontare.

Gestione dei rifiuti

Molti film distopici raffigurano la Terra coperta di immondizia. Le persone vivono nei bassifondi circondati dalla spazzatura senza che altro vada. Per fortuna, con l’aiuto di aziende come Greyparrot, quella situazione distopica non deve essere il futuro dell’umanità. Greyparrot è una compagnia di intelligenza artificiale dedicato a “utilizzare un software di visione artificiale basato sull’intelligenza artificiale per aumentare la trasparenza e l’automazione nel riciclaggio”.

Man mano che i consumatori si preoccupano maggiormente della sostenibilità dei prodotti, oltre all’aumento delle normative governative, le aziende stanno trovando nuovi modi per creare un’economia circolare. Il l’economia circolare è un “quadro per un’economia che è riparativa e rigenerativa dal design”. È un processo di progettazione dei rifiuti da un sistema economico in modo che un prodotto abbia una vita continua, anche dopo il suo utilizzo principale. Questa è la chiave per l’industria dei rifiuti e del riciclaggio che ha bassi tassi economici del 14% a livello globale perché “il 60% dei rifiuti solidi prodotti ogni anno finisce in discariche e discariche aperte[s]”.

Greyparrot AI aiuta le aziende a lavorare in un’economia circolare evidenziando inefficienze nelle strutture di smistamento e rifiuti. La visione dell’intelligenza artificiale può individuare gli oggetti su un nastro trasportatore più velocemente e con una migliore precisione rispetto a un essere umano. Il loro sistema “identifica automaticamente i diversi tipi di rifiuti, fornendo informazioni sulla composizione e analisi per aiutare le strutture ad aumentare i tassi di riciclaggio”. L’intelligenza artificiale è facile da ridimensionare e fornisce informazioni e analisi in tempo reale sulle strutture. L’intelligenza artificiale può trasformare l’1% dei rifiuti monitorati e analizzati in 100%. Per non parlare delle opportunità di collaborare con bidoni intelligenti e robot di smistamento. L’intelligenza artificiale Greyparrot fa molto di più che portare la gestione dei rifiuti nel 21 ° secolo, apre le porte alle applicazioni dell’IA ai settori meno noti dell’economia, rendendo il nostro futuro circolare anziché distopico. La startup è stata recentemente nominata da Premi Europas Tech Startup come la startup più in voga nella startup Climate Tech / Green Tech del 2020.

Rifiuto spaziale

Altri film cinematografici raffigurano spesso umani che fuggono dalla Terra quando non è più abitabile. Si lanciano in orbita mentre lasciano robot come Wall-E per ripulire il casino. E se non potessimo lanciarci nella frontiera finale perché c’è troppa spazzatura nel modo in cui gli umani possano lasciare l’orbita terrestre? La spazzatura spaziale è una seria preoccupazione per molti scienziati. Secondo l’Agenzia spaziale europea, 129 milioni di pezzi di detriti sfrecciano intorno alla Terra. I detriti spaziali rappresentano un pericolo per gli astronauti che navigano in orbita, la rete di satelliti di comunicazione e meteorologici e le future missioni spaziali.

È qui che le aziende di intelligenza artificiale e tecnologia si stanno unendo per affrontare il problema più grande dello spazio. Creazione della NASA la sfida degli asteroidi profondi, invitando i partecipanti a utilizzare l’apprendimento automatico per aiutare gli umani a “evitare lo stesso destino dei dinosauri”. Gli asteroidi non sono gli unici oggetti vicino alla Terra che possono entrare in contatto con la Terra. Ci sono circa “1000 comete e detriti spaziali” che rappresentano un vero pericolo per la vita sulla Terra.

Rilevare la spazzatura spaziale è una cosa, ma rimuoverla dall’orbita è un’altra. Startup russa, StartRocket, ha un piano per rimuovere i detriti usando la schiuma. StartRocket vuole distribuire un satellite chiamato Foam Debris Catcher. quando il satellite raggiunge una nuvola di detriti, “esploderebbe una rete di bracci in schiuma polimerica di grado spaziale che, secondo StartRocket, può catturare fino a una tonnellata di spazzatura spaziale”. La resistenza orbitale della giunca schiumata tirerebbe la massa verso la Terra, bruciando nell’atmosfera.

Spreco di cibo

L’intelligenza artificiale è più che un buon samaritano. Offre un grande ROI per le aziende che lo utilizzano. Nel settore alimentare, l’IA potrebbe “aiutare a generare fino a $ 127 miliardi all’anno entro il 2030”. Lo spreco alimentare è un problema prima ancora che colpisca i frigoriferi del consumatore. Circa un terzo (circa 1,3 miliardi di tonnellate) di cibo viene perso o sprecato ogni anno dalla fattoria al frigorifero.

Una società, Winnow Solutions, utilizza l’intelligenza artificiale per identificare e pesare i rifiuti alimentari nelle cucine commerciali. Winnow Vision, l’intelligenza artificiale dell’azienda, assegna automaticamente un valore in dollari a ogni lastra scartata che viene scaricata nel suo cestino dei rifiuti intelligente. “Winnow Vision è in grado di identificare correttamente i rifiuti alimentari oltre l’80% delle volte e migliora man mano che apprende”, che è fino al 10% più preciso rispetto al personale di cucina (che di solito è impegnato con altri lavori).

L’intelligenza artificiale non è solo per la cucina. Startup israeliana, senza sprechi, ha sviluppato un algoritmo di determinazione del prezzo dinamico per i prodotti deperibili. Wasteless è in grado di monitorare il prezzo di un articolo in tempo reale e regolarlo in base alla data di scadenza. Wasteless si integra con il sistema di gestione dell’inventario di un negozio per scontare automaticamente gli articoli con shelf life più brevi. Di usando Wasteless, “Un rivenditore di negozi ha ridotto gli sprechi alimentari del 39 percento, aumentando al contempo i ricavi del 110 percento e mantenendo comunque un margine netto positivo”.

Perdite d’acqua

La cattiva notizia è che l’acqua è una risorsa limitata, ma fortunatamente sembra anche essere rinnovabile. Sfortunatamente, oltre il 25% di acqua viene sprecato a causa di perdite – e questo è solo negli edifici commerciali. Società di intelligence idrica, WINT, ha sviluppato un’intelligenza artificiale per rilevare e bloccare le perdite alla fonte. WINT lo fa usando la corrispondenza del modello per rilevare perdite d’acqua. AI di WINT impara e si adatta continuamente alla rete idrica di un’azienda per ottimizzare il rilevamento di perdite e rifiuti. Quel 25% di acqua sprecata a causa di perdite? Non per le aziende che usano l’intelligenza artificiale. Una società ha riferito che WINT ha ridotto il consumo di acqua del 24%. Questa è una tecnologia che fa bene al budget e all’ambiente.

Spetta a privati ​​e organizzazioni trasformare le idee in azioni

L’intelligenza artificiale può analizzare, prevedere e raccomandare azioni. Tuttavia, spetta alle persone effettuare l’ultima chiamata e cambiare i sistemi in atto per ottenere il massimo dal modo in cui produciamo. La spazzatura spaziale, i rifiuti alimentari, i rifiuti e le perdite d’acqua sono tutti modi per ripensare lo scopo di un settore. L’economia può evolversi insieme alla tecnologia, come l’intelligenza artificiale, per creare soluzioni sostenibili che a volte possono aumentare il ROI, ma possono anche mostrare la volontà di un marchio e aiutare l’azienda a trovare il suo scopo.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *