[ad_1]

Il concetto di “album visivo” è comunemente associato all’album di successo del 1982 di Michael Jackson Thriller. E per molti nella mia generazione (che sono l’ultimo gruppo di millennial o i più vecchi gen z’ers), il nostro ricordo più antico dell ‘”album visivo” è Kanye West‘S My Beautiful, Dark Twisted Fantasy, pubblicato nel 2010 con grande successo e che ci ha dato successi ancora molto amati come Energia. Ora, nel 2020, mentre Kanye sta suggerendo che il celebre abolizionista Harriet Tubman “non ha mai realmente liberato gli schiavi”, il testimone per la forma di musica visiva è stato tramandato a Beyoncé Knowles-Carter, e ancora una volta abbiamo un capolavoro che non possiamo ignorare.

Per vederlo incorporato, devi dare il consenso ai cookie dei social media. Apri il mio preferenze sui cookie.

Stamattina presto o a notte fonda, a seconda di dove vivi, Beyoncé ha rilasciato Il nero è re su Disney +, ed è disponibile anche sulle principali emittenti sudafricane e sudafricane. Il nero è re è l’album visivo basato sulla musica di Il re leone: il dono, che ha accompagnato l’uscita del remake del film Il Re Leone film dell’anno scorso, ed è uno dei tre principali progetti che Beyoncé ha firmato con la Disney per un importo di 100 milioni di dollari.

L’album visivo, alla sua superficie, è un’esibizione musicale del Re Leone, con personaggi umani che prendono il posto delle creature animali, ma al suo interno, come Beyoncé ci ha detto ore prima che andasse in onda, è una speranza per un cambiamento “in la percezione globale del mondo nero. Il nero è re significa che il nero è regale e ricco e storia, scopo e lignaggio ”.

Bisogna ricordare che per oltre 400 anni la supremazia bianca è stata formalmente sancita in tutto il mondo, attraverso storie globali di schiavitù, colonizzazione e rifiuto dei diritti civili e delle libertà. Fu solo dagli anni ’60 in poi che le cose iniziarono a cambiare in modo sostanziale, che ai neri di diversi stati occidentali erano garantiti i diritti civili, che ai neri nei Caraibi e in Africa era garantita l’indipendenza e che l’apartheid cadde in Sudafrica, dove nel 1994 Nelson Mandela fu in grado di proclamare con forza “lasciare che la libertà regni”.

Tuttavia, come sappiamo più che mai oggi, sulla scia del Black Lives Matter movimento, nonostante i cambiamenti globali del ventesimo secolo, le vestigia della supremazia bianca infettano ancora diverse parti della nostra società. Pertanto, dove movimenti come Négritude e Black Is Beautiful hanno preceduto, Beyoncé ha segnato la bellezza, la versatilità e l’importanza di essere neri in questo mondo attraverso il suo album visivo, che comprende collaboratori sudafricani, nigeriani, ghanesi, britannici e afroamericani.

Per vederlo incorporato, devi dare il consenso ai cookie dei social media. Apri il mio preferenze sui cookie.

Anzi, in uno dei primi trailer per teaser Il nero è re, abbandonato all’inizio di quest’anno, Beyoncé può essere visto leggere dall’opera di Robert Farris Thompson. Il che è appropriato perché è lo studioso che ha coniato il termine “Atlantico nero”, che studiosi successivi come il britannico Paul Gilroy, hanno reso popolare per descrivere come i neri di tutto il mondo hanno legami culturali indelebili tra loro.

Pertanto, in tutto l ‘”album visivo”, vengono evidenziati i passi di danza culturale dal Sud Africa al “Sud sporco” degli Stati Uniti. Le donne che portano i vasi in testa sono rappresentate come regali, e le acconciature africane indigene sono presentate con la bellezza che racchiudono, lontano dalle polizie che spesso raccolgono in America, in Gran Bretagna e persino in parti dell’Africa per essere “non professionali”. La femminilità della pelle scura viene celebrata, lontano dal disprezzo del colorismo, e le stampe africane sono gloriosamente dipinte in tonalità profonde di rosso, rosa, marrone, blu, verde e oro. Forse in modo più evocativo, mentre una bandiera americana di colore panafricano viene sventolata a metà del film, il narratore ci ricorda che l’Africa “non ti ha mai lasciato, non lo farà mai, ricorderà chi sei”.

Per vederlo incorporato, devi dare il consenso ai cookie dei social media. Apri il mio preferenze sui cookie.

Nell’estate del 2020, dove siamo alle prese pubblicamente con ciò che la nostra storia condivisa significa per il nostro presente e il nostro futuro, Beyoncé ha fornito alla comunità nera globale un dono, un dono che ci ricorda che “le persone lasciate PIÙ BROKEN hanno doni STRAORDINARI. ” Come osserva nella dedica alla fine del film, con il ricordo della bellezza nella nostra eredità possiamo spingere in avanti per un futuro migliore, “siamo le chiavi del regno”.

[ad_2]

Francesco Giuliani
Author: Francesco Giuliani

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Italian Entrepreneur & King of Influencers.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *