‘Agganciato alla droga di Facebook’: gli acquirenti dei media affermano che i marchi più piccoli torneranno sulla piattaforma, ma i marchi più grandi continueranno a boicottare


Con il mese di luglio quasi terminato, gli inserzionisti che hanno aderito al boicottaggio di Facebook stanno valutando se ricominciare o meno a fare pubblicità sulla piattaforma dal 1 ° agosto.

Gli acquirenti di media affermano che i marchi più piccoli che dipendono maggiormente dalle campagne di risposta diretta hanno maggiori probabilità di tornare rispetto ai marchi di grandi famiglie come Unilever e Starbucks poiché quei marchi più piccoli hanno bisogno di annunci di Facebook per favorire le entrate. I marchi più grandi che partecipano al boicottaggio, nel frattempo, continueranno probabilmente a mantenere gli annunci pubblicitari fuori dalla piattaforma fino a fine autunno.

“Marchi affermati sono al fianco del boicottaggio e spingono Facebook a monitorare il discorso dell’odio in un modo più attivo”, ha affermato un acquirente di media che ha richiesto l’anonimato. “Stiamo vedendo marchi che si sono fermati a luglio sono ancora riluttanti a tornare”.

Quei marchi più grandi non sono contenti della risposta di Facebook al boicottaggio finora, secondo gli acquirenti di media, che affermano che Facebook non ha fatto molto altro che impegnarsi ad aggiungere un nuovo punto di dati sulla prevalenza del discorso di odio nella sua applicazione delle norme comunitarie annuali Rapporto. Gli inserzionisti vogliono un impegno dalla piattaforma per dare loro un maggiore controllo su ciò che appare accanto al loro contenuto e per poter scegliere di apparire vicino a contenuti odiosi, ovvero per risolvere il problema di adiacenza che è stato un problema con la pubblicità su una miriade di piattaforme da anni ormai.

Il controllo sull’adiacenza è un luogo comune con acquisti TV, stampa, radio, ecc., Per gli acquirenti di contenuti multimediali che affermano che l’aggiunta di tale mancanza di controllo è un importante divario delle funzionalità per Facebook. Detto questo, stabilire se un annuncio viene visualizzato accanto a contenuti odiosi non è un problema facile da risolvere e uno che presenta complessità ingegneristiche e problemi di privacy degli utenti.

Tuttavia, Facebook sta iniziando a parlare di soluzioni tecniche al problema con gli acquirenti che affermano che i dirigenti della piattaforma non lo farebbero a meno che non ci fosse intenzione di agire su una soluzione. La creazione di qualsiasi soluzione sia probabilmente richiederà mesi, tuttavia, per gli acquirenti.

Gli acquirenti si aspettano che i marchi più grandi tornino sulla piattaforma in seguito al rilascio del rapporto sull’applicazione delle norme comunitarie a novembre con il nuovo punto dati sulla prevalenza del discorso dell’odio sulla piattaforma. Rilasciare quel numero è stato tra le richieste del boicottaggio e Facebook così facendo potrebbe dare agli inserzionisti una vittoria facile da puntare al ritorno.

Per i marchi più piccoli che hanno intenzione di tornare indietro, molti lo stanno facendo per necessità piuttosto che per soddisfazione per la risposta di Facebook al boicottaggio. “Sono agganciati alla droga di Facebook”, ha detto l’acquirente che ha richiesto l’anonimato. “Ne hanno bisogno. È un modo collaudato per generare grandi risultati. ”

Davis Jones, amministratore delegato dei servizi multimediali di The Many, ha fatto eco a quel sentimento: “Hanno realizzato un prodotto pubblicitario che funziona ed è parte integrante di molte aziende. Abbiamo clienti in cui la loro intera attività è Facebook e prendersi un mese di pausa li decimerebbe. ”

All’inizio del boicottaggio, gli inserzionisti si preoccupavano del contraccolpo dei consumatori se non avessero partecipato. Ma ora, mentre alcuni si preparano a tornare alla pubblicità sulla piattaforma, non c’è la stessa preoccupazione di tornare indietro senza un grande impegno a cambiare da Facebook, ha detto Jones.

Uno dei motivi potrebbe essere che i marchi che hanno continuato a fare pubblicità su Facebook non hanno sentito molto in termini di contraccolpo dei consumatori. Un dirigente ha affermato che la maggior parte dei marchi con cui collabora ha continuato a fare pubblicità sulla piattaforma e lo ha fatto con scarsa attenzione da parte del consumatore.

Per i marchi più piccoli che hanno spostato denaro da Facebook a luglio, gli acquirenti di media affermano di aver provato altre piattaforme come Snapchat, Pinterest e TikTok. Mentre questi marchi torneranno probabilmente su Facebook a partire da agosto, potrebbero spostare meno soldi in quanto quelle altre piattaforme hanno mostrato risultati positivi, hanno affermato gli acquirenti.

“[The boycott] potrebbe portare a una migliore diversificazione delle piattaforme “, ha affermato l’acquirente che ha richiesto l’anonimato.

Login to your account below

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.